Popolare Bg e Associazione Oncologica Via al prestito obbligazionario solidale

Popolare Bg e Associazione Oncologica
Via al prestito obbligazionario solidale

Arriva da Popolare Bergamo il prestito obbligazionario solidale: lo 0,50% del valore nominale delle obbligazioni sarà devoluto all’Associazione Oncologica Bergamasca.

L’obiettivo è sostenere il progetto P.r.e.g.i.o., cioè Prevenzione del Rischio Ereditario e Geneticamente Indotto in Oncologia. I titoli del prestito obbligazionario solidale (o social bond) saranno in collocamento dal 23 febbraio al 31 marzo 2015 nelle filiali di Banca Popolare di Bergamo.

È previsto un ammontare complessivo di 3 milioni di euro destinato a nuovi risparmi, i cui proventi saranno in parte devoluti, a titolo di liberalità, proprio all’Associazione Oncologica.

L’Associazione Oncologica Bergamasca è una onlus costituita nel 1999 su iniziativa di un gruppo di medici Oncologi dell’Ospedale di Bergamo. Una realtà locale, gestita interamente da persone che operano a titolo di volontariato. Opera per dare risposte concrete ai bisogni e per facilitare il percorso di cura e la qualità della vita dei malati oncologici e delle loro famiglie. La sua mission è quella di aassistere il malato oncologico in modo globale ponendolo al centro di un sistema di cura e attenzioni».

La presentazione del prestito solidale

La presentazione del prestito solidale

Il progetto P.r.e.g.i.o. , in condivisione con Asl e Cancer Center dell’A.O. Papa Giovanni XXIII, è dedicato alla prevenzione di quei «tumori ereditari» che si riferiscono a patologie oncologiche che insorgono a causa della presenza di varianti genetiche costitutive che conferiscono rischi di cancro sensibilmente superiori a quelli della popolazione generale.

Le obbligazioni, emesse da Banca Popolare di Bergamo per Associazione Oncologica Bergamasca, hanno taglio minimo di sottoscrizione pari a 1.000 euro, durata 3 anni, cedola semestrale, tasso fisso lordo pari al 0,80% per il primo anno, 0,95% per il secondo anno e 1,10% per il terzo anno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA