Sarò un geometra: la professione piace sempre più alle ragazze

Sarò un geometra: la professione
piace sempre più alle ragazze

Un crescente numero di donne sta scegliendo la carriera di geometra: la conferma arriva dal collegio dei geometri di Bergamo.

La conferma è arrivata analizzando anche i dati del concorso bergamasco Georientiamoci con il quale il collegio di Bergamo ha assegna dieci borse di studio: ben un terzo dei partecipanti al concorso sono risultate essere ragazze

Le borse di studio, del valore di 250 euro ciascuna, sono state assegnate a dieci ragazzi iscritti al primo anno di istituti Cat - Geometri nell’ambito del concorso di un progetto promosso dalla Fondazione Geometri Italiani.

Un geometra al lavoro

Un geometra al lavoro

Il concorso era iniziato lo scorso anno scolastico tra gli studenti della terza media intenzionati a frequentare il percorso di studio che consente di accedere alla professione di geometra. I ragazzi dovevano presentare un lavoro, in immagini o testo, nel quale esprimevano la loro visione del futuro nella professione che avevano scelto.

I vincitori sono:
Daniele Trussardi dell’ Istituto A. Fantoni di Clusone con il racconto “La casa passiva”;
Riccardo Lussana dell’ITGS G. Quarenghi di Bergamo con il video “Video Lussana”;
Andrea Benedetti dell’ITGS G. Quarenghi di Bergamo con il video “Voglio diventare geometra”;
Giorgia Previtali dell’ITGS G. Quarenghi di Bergamo con il racconto “Tema Previtali”;
Alessandro Zambetti dell’ITGS G. Quarenghi di Bergamo con il racconto “Tema Zambetti”;
Leonardo Locatelli dell’ITGS G. Quarenghi di Bergamo con il racconto “Tema Locatelli”;
Federica D’Amico dell’ITGS G. Quarenghi di Bergamo con la foto “Immagine D’Amico”;
Miriana Moschella dell’ITGS G. Quarenghi di Bergamo con il racconto “Tema Moschella”;
Simone Scepi dell’ITGS G. Quarenghi di Bergamo con il racconto “Tema Scepi”;
Laura Orlandi dell’ITGS G. Quarenghi di Bergamo con il racconto “Tema Orlandi”.


A livello nazionale, la Fondazione Geometri Italiani ha assegnato cinquanta borse di studio per l’acquisto di libri e materiali, valutando 351 elaborati provenienti da tutta Italia, tramite una commissione composta da suoi rappresentanti e da membri del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, di Ellesse Edu e Diesis Group.


© RIPRODUZIONE RISERVATA