Latte in vendita a prezzi stracciati?  L’assessore: non vengano a piangere da me

Latte in vendita a prezzi stracciati?
L’assessore: non vengano a piangere da me

«Se i produttori accettano prezzi sotto la soglia di sopravvivenza delle imprese agricole non vengano poi a piangere da me». Non usa mezze parole l’assessore all’Agricoltura della Lombardia.

«Prendo atto - dice in un comunicato Gianni Fava - che una parte del mondo agricolo lombardo, attraverso due organizzazioni di produttori situate nel Cremasco e in provincia di Bergamo, ha scelto di sottoscrivere i contratti di conferimento con Lactalis, accettando prezzi sotto la soglia di sopravvivenza e parametri di indicizzazione legati all’andamento del mercato europeo. La libertà d’impresa è sacra, ma visto che la scelta di campo che hanno compiuta è netta, gli imprenditori non vengano poi a lamentarsi con l’assessore all’Agricoltura della Lombardia».

L’assessore all’Agricoltura della Lombardia prende dunque una posizione intransigente in merito ai contratti che lunedì sera sono stati sottoscritti da due op con il gruppo francese Lactalis, alla vigilia di un Tavolo sul latte che Regione Lombardia ha convocato, estendendo l’invito non solo alle organizzazioni agricole e all’industria di trasformazione, ma anche alla cooperazione e al Consorzio di tutela del Grana Padano.

«Ho pensato di convocare il Tavolo di filiera con l’obiettivo di assicurare un futuro alla prima regione per vocazione lattiero casearia Made in Italy – prosegue Fava – ma devo amaramente constatare che non tutti gli imprenditori agricoli sono interessati a raggiungere un accordo dignitoso per le proprie imprese e che preferiscono legare il futuro del latte lombardo non alle Dop che tutto il mondo ci invida, ma ai mercati tedesco o europeo, che seguono logiche differenti».

«Come assessore all’Agricoltura della Lombardia – aggiunge Fava – intendo proseguire sulla strada che la maggior parte dei produttori di latte mi chiede di seguire, a difesa del futuro degli allevamenti, delle cooperative agricole e delle grandi Dop».


© RIPRODUZIONE RISERVATA