Astino, un racconto a forma di cena alla scoperta dei piatti geniali di Bergese

Astino, un racconto a forma di cena
alla scoperta dei piatti geniali di Bergese

Ad Astino, all’interno della rassegna «Camminare la terra», un’esclusiva cena guidata dal Seminario Veronelli alla scoperta dei piatti geniali di Nino Bergese accompagnati da vini d’eccellenza. Appuntamento mercoledì 8 luglio alle 20.

Il Comitato Decennale Luigi Veronelli, il Seminario Veronelli e Le Cantine di Astino presentano il primo appuntamento con L’Enciclopedia delle Arti Effimere, la collana di cene pensata a latere della mostra Camminare la Terra per proporre la cultura gastronomica «secondo Veronelli». Un racconto in forma di cena dedicato a un grande maestro della cucina italiana: Nino Bergese, cuoco dei re e re dei cuochi. Grazie a uno straordinario menu, gli ospiti potranno approfondire una delle pagine più interessanti della storia della ristorazione italiana del Novecento, incontrando alcune ricette-capolavoro di Bergese riprodotte con la massima cura. Un’occasione unica per assaggiare piatti storici che rappresentano vere e proprie conquiste della cultura gastronomica italiana.

Figlio di un ferroviere, genio assoluto della cucina, Nino nasce a Saluzzo (CN) nel 1904 e inizia la sua carriera a soli 13 anni come aiuto dello chef Giovanni Bastone. Brucia le tappe e, grazie al suo eccezionale talento, diviene primo cuoco nel 1926 al servizio del cerimoniere di Casa Savoia. Il successo straordinario ottenuto con un banchetto per il compleanno del Principe Umberto di Savoia, suo coetaneo, fa di Bergese una celebrità contesa dalle più importanti famiglie aristocratiche e dell’alta borghesia.

Dopo il secondo conflitto mondiale, in una società profondamente mutata, Bergese da cuoco privato decide di farsi ristoratore e apre a Genova La Santa, ristorante premiato nel 1969 con le due stelle Michelin, massimo riconoscimento allora attribuito in Italia. Una vita di lavoro «furioso», da vero artista, senza mai un giorno di riposo né per il suo matrimonio, né per la nascita della figlia.

Conclude la carriera trasferendo il suo sapere al giovane e talentuoso Valentino Marcattili che lo affianca al San Domenico di Imola, e a tutti gli italiani dalle pagine di “Mangiare da re”, prezioso ricettario pubblicato nel 1969 con l’introduzione di Luigi Veronelli.

A riproporre alcune delle straordinarie creazioni culinarie di Bergese sarà lo Chef Massimo Passetti assistito dall’équipe del Seminario Veronelli.

MENU E VINI IN ABBINAMENTO

Galantina

Trento Riserva del Fondatore Giulio Ferrari 2002, Ferrari (Trento)

[95/100, Guida Oro I Vini di Veronelli 2013]

Riso mantecato

Grignolino di Casale M.to Bricco del Bosco Vecchie Vigne 2009, Accornero (Vignale M.to, AL)

[89/100, Guida Oro I Vini di Veronelli 2015]

Nodino di vitello

San Leonardo Vigneti delle Dolimiti 2008, Tenuta San Leonardo (Avio, TN)

[94/100, Guida Oro I Vini di Veronelli 2015]

Torta fiorentina

Doro bè Val di Neto Passito 2008, Roberto Ceraudo (Strongoli Marina, KR)

[93/100 e SOLE, Guida Oro I Vini di Veronelli 2015]

Costo della serata: 60 €

Per informazioni e prenotazioni: www.astinoexpo2015.it - Tel. 331 8806545


© RIPRODUZIONE RISERVATA