Addio al maestro Giovanni «Una guida di sport e vita»
Il maestro Giovanni Ruberto, aveva 55 anni

Addio al maestro Giovanni
«Una guida di sport e vita»

Amato docente di educazione motoria, aveva 55 anni. Ideatore e regista delle Olimpiadi scolastiche. Il cordoglio di colleghi e alunni di Grumello e Seriate.

Per tutti era il «maestro Giovanni». Fischietto nero al collo, occhiali da sole e quella cartelletta blu perennemente in mano. Le comunità di Seriate e Grumello del Monte piangono Giovanni Ruberto, l’insegnante di educazione motoria scomparso ieri all’età di 55 anni: Ruberto combatteva, da mesi, contro un male incurabile. Abitava a Seriate dove viveva con la moglie Margherita e il figlio, ma Giovanni era conosciuto soprattutto in Val Calepio: dal 1998 faceva parte del corpo docenti dell’istituto comprensivo di Grumello, dove insegnava educazione motoria agli alunni della primaria.

Amatissimo da colleghi e studenti, a Ruberto si deve l’iniziativa delle Olimpiadi scolastiche grumellesi, per cui ogni anno il maestro tanto si spendeva personalmente: un’iniziativa che, avviata nel 2000 con la primissima edizione, ancora oggi coinvolge centinaia di studenti che, prima ancora di scendere in campo, sono chiamati a partecipare ad una cerimonia di apertura seguitissima. Molti i ricordi che arrivano, in queste ore, proprio dalla scuola di Grumello del Monte: «Ruberto era un insegnante con il raro dono di saper cogliere l’anima di ciascun ragazzo – ricordano i genitori di alcuni allievi del maestro Giovanni –, riusciva sempre a tirar fuori il meglio dai suoi alunni che lo stimavano e vedevano il lui una guida». «Il maestro Giovanni ci ha fatto amare lo sport e trasmesso valori che mai dimenticheremo – dicono in coro alunni ed ex alunni –. Ci ha insegnato il rispetto, il fairplay, l’importanza della collaborazione, a fare squadra in campo e fuori. Si dice che siamo al mondo per lasciare la nostra impronta: il maestro Giovanni l’ha proprio lasciata nel cuore di ognuno di noi». Anche i colleghi docenti hanno voluto omaggiare quel docente così ben voluto: «Giovanni aveva una vitalità contagiosa, tanto apprezzata dai suoi alunni che lo amavano per il coinvolgimento emotivo e per un’innata creatività. Il nostro collega era una persona determinata, solare, sensibile. Amava moltissimo il suo lavoro che svolgeva con dedizione e professionalità».

Al cordoglio della famiglia, dei colleghi e dei suoi alunni si unisce anche il ricordo affettuoso dell’amministrazione comunale di Grumello del Monte, per voce dell’attuale assessore ai Servizi sociali ed ex sindaco Nicoletta Noris: «Se centinaia di nostri piccoli concittadini si sono appassionati allo sport è in prima battuta merito del maestro Giovanni. La sua passione e la dedizione che metteva nel lavoro di tutti i giorni non verranno mai dimenticate dalla nostra comunità».

I funerali si terranno martedì 12 maggio alle 15 nella chiesa parrocchiale di Seriate: le esequie in forma privata nel rispetto delle norme per il contenimento del coronavirus.


© RIPRODUZIONE RISERVATA