L’omicidio della 63enne a Seriate:  il marito indagato a piede libero - Video
Carabinieri alla casa di via Montecampione, dove Gianna Del Gaudio è stata ammazzata (Foto by Yuri Colleoni)

L’omicidio della 63enne a Seriate:
il marito indagato a piede libero - Video

Continuano le indagini dei carabinieri per risalire all’assassino di Gianna Del Gaudio, 63enne di Seriate trovata morta nella notte tra venerdì 26 agosto e sabato 27 nella sua casa di via Montecampione. Indagato a piede libero il marito: si parla di atto dovuto in modo da consentirgli di chiarire la sua posizione. Non risultano altri indagati.

Al contrario di quanto emerso poco dopo le 13.30, un giovane fermato e portato in caserma dai carabinieri non c’entrerebbe con il delitto. Proprio in quei minuti gli inquirenti sono tornati alla villetta insieme al marito della 63enne, Antonio Tizzani, e al magistrato per un sopralluogo.

È stato lui a trovare il corpo della moglie e a chiamare le forze dell’ordine. Il sopralluogo, a cui oltre al marito hanno preso parte anche il magistrato Laura Cocucci e gli uomini della Scientifica, è durato un’ora. La donna, ex insegnante ora in pensione, è stata uccisa con un profondo taglio alla gola.

L’omicidio di Seriate

L’omicidio di Seriate
(Foto by Yuri Colleoni)

Nella notte il marito, 68enne capostazione in pensione, avrebbe raccontato di aver visto fuggire dalla casa un ladro incappucciato e di aver trovato la moglie in cucina in una pozza di sangue. I carabinieri che hanno effettuato i rilievi non hanno trovato segni di effrazione a porte e finestre.

I rilievi dei carabinieri

I rilievi dei carabinieri
(Foto by Yuri Colleoni)

Nella notte il marito era stato portato al comando provinciale di via delle Valli insieme ai due figli Mario e Paolo. Le indagini della scientifica sono proseguite per tutta la notte e anche in mattinata i carabinieri hanno setacciato la villetta e il giardino palmo a palmo alla ricerca dell’arma del delitto.

I rilievi dei carabinieri

I rilievi dei carabinieri
(Foto by Yuri Colleoni)


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 28 agosto 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA