Ramatà ha tanta fretta di nascere  Viadanica, la mamma partorisce in auto
Una neonata in ospedale in una foto d’archivio

Ramatà ha tanta fretta di nascere

Viadanica, la mamma partorisce in auto

I genitori da Viadanica si stavano dirigendo a Seriate, ma non hanno fatto in tempo. All’arrivo dei soccorritori la piccola era già tra le braccia della mamma: entrambe stanno bene.

Erano circa le 21 del 12 dicembre quando nella piazzola di un distributore di benzina lungo la strada provinciale, al confine tra Grumello e Tagliuno, i volontari del gruppo ambulanza di Capriolo sono sbucati dalla nebbia e hanno raggiunto la macchina, una Peugeot 407 grigia, in cui la 34enne Sekoundoul Maimouma aveva appena partorito la sua terzogenita.

Il marito, Malick Mar, operaio di 43 anni, le stava accanto mentre Secondoul teneva la neonata Ramatà tra le braccia. «Ero spaventata – racconta la donna –. Poi sono arrivati i soccorsi e mi hanno aiutato dicendo di non preoccuparmi e di tenere al caldo la piccola». Nel giro di qualche minuto mamma e bambina sono state portate all’ospedale di Seriate.

La coppia, originaria del Senegal e in Bergamasca da anni, era partita poco prima dalla propria abitazione a Viadanica, non lontano da Sarnico e dal lago d’Iseo. La puerpera sentiva che l’ora decisiva si stava avvicinando, ma la corsa nel buio e nella nebbia verso Seriate non è giunta a conclusione: dopo qualche chilometro la natura ha fatto il suo corso.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 14 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA