«Montagna di rifiuti e multe ridicole Perché non curiamo di più il mondo?»

«Montagna di rifiuti e multe ridicole
Perché non curiamo di più il mondo?»

«Una bottiglia rotta, un preservativo usato, un cartone della pizza con ancora all’interno delle croste, un bidone di vernice con attrezzi da imbianchino, un mucchio di spazzatura bruciata».

«Volevo fare una bella passeggiata sul Brembo, dove qualche anno addietro si organizzavano pomeriggi con gli amici e barbecue, feste serali e serate con la chitarra. Ora trovo spazzatura e degrado, e non sono cartacce, è roba che la gente è venuta quì apposta a buttare usando il posto a mò di discarica. Sembra che più a nessuno interessi quella zona verde che tempo fa regalava bei momenti».

Rifiuti a Valbrembo

Rifiuti a Valbrembo

«Continuo lungo il sentiero e piano piano sembra migliorare sino a diventare un’area bella e pulita (come il lungofiume della sponda opposta). Continuo la mia camminata rilassato, scendo al fiume e faccio rimbalzare qualche sasso piatto sul letto del fiume, sorrido a chi marcia in senso opposto, chiacchiero con chi raccoglie erbe spontanee informandomi su cosa cresce in zona... ma allora mi chiedo il motivo di tanta noncuranza nel tratto iniziale del parco, non importa davvero a nessuno?

Rifiuti a Valbrembo

Rifiuti a Valbrembo

«Torno poco meno di una settimana dopo, indiavolato per lo schifo visto in precedenza, e noto contento che qualcuno ha ripulito e portato via qualcosa ma ancora la zona non è bella. Faccio qualche fotografia con il telefono, con l’intento poi di scrivere qualche riga di lamentela, di richiesta d’attenzione per un luogo che ha tanto da offrire, che potrebbe tornare a vivere come un tempo ed essere sfruttato da chi cerca un po’ di pace».

«Sto per andarmene e vedo un cartello: “Divieto di scarico materiali e rifiuti su tutto il territorio comunale. I trasgressori saranno puniti con ammenda da 103,29 a 619,75 €...”, è allora che mi sale la rabbia. La goccia finale. Leggo di multe di 3.333 € (che diventano 5.000 € se non paghi dopo pochi giorni) per aver fatto pipì in una piazzola di sosta in superstrada, di multe per chi getta mozziconi a terra da 30 a 300 €, di chi si prende da 30 a 150 € per aver gettato scontrini, fazzoletti di carta o gomme da masticare...».

Il cartello con il divieto di scarico

Il cartello con il divieto di scarico

«Sicuramente sarà capitato a tutti, prima o dopo, di aver gettato qualcosa a terra ma tra due mozziconi e un sacco della spazzatura c’è una bella differenza... e una pipì in piazzola di sosta... lasciamo perdere. Ciò che mi piacerebbe capire è se a qualcuno interessa la città dove viviamo senza vene ipocrite, se tutti curassimo di più il mondo dove viviamo in un modo semplice forse non ci sarebbe bisogno di gruppi di volontari per pulire le aree verdi una volta l’anno (e per fortuna che ci sono), ma la mia è soltanto una riflessione».

Charlie Capotorto


© RIPRODUZIONE RISERVATA