Rapina, ore di terrore per una coppia: abbiamo avuto paura che ci uccidessero

Rapina, ore di terrore per una coppia:
abbiamo avuto paura che ci uccidessero

Tre ore di paura e terrore per un 56enne commerciante e la sua compagna che mercoledì sera 11 novembre hanno subìto una rapina, nella loro casa di Bottanuco.

Sono rimasti sequestrati dai malviventi per quasi tre ore e l’uomo è rimasto ferito in modo non grave in una colluttazione. I rapinatori, sicuramente originari di un Paese dell’Est Europa, cercavano la cassaforte, inutilmente, perché non c’era e hanno dovuto accontentarsi, si fa per dire, di un bottino che supera i 35 mila euro.

«Grazie a Dio siamo salvi»«Grazie a Dio siamo ancora qui sani e salvi - esclama il commerciante allargando le braccia -. Dico la verità: abbiamo avuto paura che alla fine, non avendo trovato la cassaforte, quelli ci avrebbero ucciso». La rapina è iniziata verso le 19,15, quando sono rientrato dal lavoro con la mia Bmw X6. Mi hanno picchiato con i pugni e con il calcio della pistola in testa, quindi con il filo elettrico mi hanno legato le mani dietro alla schiena».

«Poi è entrata la mia compagna. Loro hanno cercato di tranquillizzarla e l’hanno consigliata di stare calma e di non muoversi. E con la pistola sempre puntata alla fronte mi gridavano che volevano uccidermi. Volevano sapere dov’era la cassaforte. Hanno fatto su di lei pressione psicologica dicendole che altrimenti avrebbero ammazzato me».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola venerdì 13 novembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA