Fresche e gustose:  le acque aromatizzate

Fresche e gustose:
le acque aromatizzate

Dissetanti, energizzanti, fresche e gustose: sono le acque aromatizzate, idee alternative alla classica acqua minerale. Sono perfette per il periodo estivo perché garantiscono la giusta idratazione e un effetto drenante, unito ovviamente alla cosa più importante: il gusto!

Sane e naturali, per la loro preparazione non richiedono l’aggiunta di nulla, se non di frutta o erbe aromatiche. Niente zucchero aggiunto, se non un poco di miele qualora si voglia preparare un bevande un poco più dolce. La più classica è l’acqua e menta, con l’aggiunta di un poco di succo di limone; è la bevanda perfetta per i torridi pomeriggi estivi. Ma andiamo con ordine e vediamo come si preparano queste squisite bevande. Prima di tutto bisogna scegliere gli ingredienti e la frutta consigliata per questo tipo di preparazione spazia dall’anguria, fino ai lamponi, alle mele, ma anche i mirtilli, limoni, albicocche, more oppure ananas. È sempre possibile aggiungere foglie di menta, scorze di agrumi o zenzero fresco. Ma anche altre erbe aromatiche, per usi più creativi, come salvia, timo, finocchietto selvatico o rosmarino. C’è chi utilizza anche verdure come il cetriolo. Il primo passaggio è la scelta del contenitore, che deve essere abbastanza grande per contenere l’acqua e la frutta in infusione. Poi si pulisce la frutta e si passa alla fase in cui la frutta dovrà rilasciare le sostanze nutritive e gli aromi nell’acqua. La si può fare direttamente nel frigorifero, a freddo, lasciando il liquido con frutta e erbe in infusione dalle due ore fino a una notte per un risultato migliore. Il giorno successivo è consigliabile filtrare il liquido, eliminando qualsiasi particella solida, quindi l’acqua aromatizzata è pronta per essere bevuta entro almeno un paio di giorni. È possibile scegliere anche l’acqua frizzante oltre a quella naturale, per un effetto più simile a quello di una bibita. Per l’estate, l’ideale è quella a base di anguria e menta oppure perfetta anche quella che sostituisce all’anguria l’ananas. Infine anche l’abbinamento cetriolo, menta e limone è davvero dissetante. Per chi ama lo zenzero, è possibile aggiungerlo a tutte le ricette per donare la caratteristica pungenza, unita all’aroma tipico. È anche possibile preparare le acque aromatizzate e servirle senza la fase della filtrazione, per avere un effetto più scenico, ma con maggiori difficoltà di consumo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA