Sabato 02 Gennaio 2010

Comprensorio Brembo Ski ok
In arrivo gli azzurri del gigante

Il comprensorio Brembo Ski ha registrato un grande afflusso di sciatori durante le festività natalizie, nonostante le bizze del tempo che ha causato neve e tempo instabile soprattutto nelle giornate di Natale, del 30 e 31 dicembre 2009. È prematuro fare bilanci anche perché quest’anno, con molta probabilità, il ponte dell’Epifania si allungherà fino a domenica 10 gennaio e bisognerà aspettare i dati di questi primi giorni dell’anno, ma dovrebbe rivelarsi un periodo natalizio da record.

Tantissimi ospiti si sono trattenuti nel comprensorio facendo registrare praticamente il tutto esaurito nei vari hotel, residence e seconde case, anche perché la sciabilità delle piste è ottima. Molti anche gli sciatori della giornata, tanti dei quali erano da anni che avevano abbandonato il comprensorio Brembo Ski per altre mete e che quest’anno sono tornati a sciare sulle piste, attratti del continuo passa parole sulla rinnovata ski-area.

Nel frattempo è ufficiale, da martedì 4 gennaio fino a giovedì 7 gennaio, la pista Cappelletta sarà teatro degli allenamenti della squadra nazionale Fisi di gigante allenata dal tecnico Matteo Guadagnini. Tra gli atleti in arrivo ci sarà Davide Simoncelli, forte del suo secondo posto nell’ultima gara di Coppa del Mondo in Alta Badia, Manfred Moelgg e Alexander Ploner. Gli atleti della squadra nazionale, che soggiorneranno all’Hotel Pedretti di Branzi, saranno accompagnati dalla squadra nazionale giovani che sarà in allenamento a San Simone da 3 fino al 5 gennaio.

I giovani si alleneranno con il loro tecnico Alessandro Serra sulla nera Sessi. La pista completamente ridisegnata questa estate è considerata molto impegnativa: lunga oltre 1.000 metri e larga oltre 60 metri, ha tre cambi di pendenza/terreno molto tecnici. Anche San Simone si candida quindi ha diventare sede di importanti allenamenti, a dimostrazione che i lavori fatti fino a qui sono ottimi e fondamentali per il rilancio dell’intera destinazione turistica dell’Alta Valle Brembana.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata