Martedì 01 Febbraio 2011

L'obiettivo è stato centrato
Tiribocchi-Marilungo sono ok

Parola d'ordine era riprendere il Siena in vetta alla classifica e spedire il Novara al terzo posto e così è stato. Obiettivo, quindi, centrato in virtù del successo, anche se con il minimo scarto, sul campo del fanalino di coda Frosinone.

Non deve però trarre in inganno lo 0-1 perché, oltre allo stupendo gol del solito Tiribocchi (9, sin qui, le sue reti), i nerazzurri hanno costruito cinque-sei ghiotte occasioni fallite per i grandi interventi del portiere avversario.

Insomma un'Atalanta che ha raccolto decisamente poco rispetto a quello che ha confezionato durante la partita. Viceversa per Consigli, ben protetto dai difensori, si è trattato della classica prova da ordinaria amministrazione. Certo, si è dovuto attendere fino a circa la mezz'ora della ripresa affinché l'undici di Stefano Colantuono mettesse a frutto la sua netta superiorità, ma è, il caso di ribadire, che mai vittoria è stata tanto legittimata.

D'altra parte la serie B è questa: tranne che in qualche rara circostanza l'Atalanta deve fare i conti con avversarie che, qualitativamente inferiori, si chiudono nella propria metà campo puntando esclusivamente sulle ripartente.

Quanto alle prove individuali sul piedestallo Tiribocchi: una rete da autentico bomber oltre che decisiva ai fini del risultato. A Frosinone si è registrato l'esordio di Delvecchio che al 10' del secondo tempo ha sostituito Bonaventura. L'ex centrocampista del Catania ha confermato di possedere doti agonistiche e caratteriali rilevanti.

Marilungo è in costante crescendo: dispone di classe e temperamento e per poco, nel corso del recupero, non ha brindato al primo gol con la maglia atalantina. Prossimo impegno quello di sabato a Bergamo con il Pescara: altra partita sulla carta abbordabile, guai non approfittarne.

Arturo Zambaldo

m.sanfilippo

© riproduzione riservata