Sabato 19 Marzo 2011

Volantino degli ultrà nerazzurri:
colpevoli solo di una passione

Gli ultrà nerazzurri hanno distribuito, prima del match casalingo contro il Piacenza, un volantino per chiarire la loro posizione sull'inchiesta per associazione a delinquere aperta dalla procura di Bergamo a carico di alcuni capi della tifoseria.

«Si accusa tutta la tifoseria organizzata di muoversi in modo delinquenziale - si legge nel volantino -. L'accusa mossa è quella di essere un covo di violenti che si associano per delinquere: non possiamo accettarlo perché rappresenta un modo di essere che non ci appartiene».

Dopo aver contestato le modalità delle perquisizioni avvenute «nel cuore della notte» gli ultrà difendono il loro leader, «Bocia» Galimberti, colpito da divieto di dimora in provincia di Bergamo, definendo la misura «una cosa che la giustizia italiana adottava nei confronti dei camorristi e dei mafiosi negli anni '80».

I tifosi concludono chiedendo a tutti «di riflettere se la tifoseria organizzata dell'Atalanta si merita un trattamento simile». E aggiungono che «essere colpevoli di animare una passione non può essere considerato un reato punibile dal codice penale».

m.sanfilippo

© riproduzione riservata