Venerdì 25 Marzo 2011

Atalanta, Colantuono prepara
una primavera ad alta velocità

Benedetta primavera. E ben arrivata: la stagione dei fiori, degli amori, del primo caldo ma anche di Stefano Colantuono. Le sue squadre tradizionalmente volano nel girone di ritorno e si esaltano in primavera. Lo dice la storia e la tendenza del ritorno lo sta confermando.

L'Atalanta nel girone di ritorno ha conquistato 21 punti in undici partite, tre in più rispetto a quelli conquistati nelle stesse partite dell'andata. Solo il Grosseto ne ha fatti altrettanti, poi seguono il Siena e il Piacenza a 20. Il Novara nel ritorno ha già perso 8 punti dai nerazzurri.

Delle prime sei squadre della classifica (cioè fino all'ultimo posto utile per i playoff), solo in due hanno migliorato il loro rendimento rispetto all'andata: l'Atalanta appunto (+3) e il Varese (+2). Le altre hanno tutte perso qualcosa: Siena (-2), Novara (-12), Reggina (-6), Vicenza (-1).

Dal 21 marzo storicamente Colantuono viaggia a velocità doppia: da quando allena solo nei primi due anni non ha tenuto una media di almeno due punti a partita in primavera (non contiamo le due stagioni a Palermo perché non sono state intere). È successo alla Sambenedettese in C1 nel 2002-03 (11 punti nelle ultime 7 gare) e al Catania in B l'anno dopo (21 in 13 partite).

Poi solo finali in crescendo: a Perugia nel 2004-05 26 punti nelle ultime 12 giornate (media di 2,16), all'Atalanta nel 2005-06 18 punti nelle ultime 9 giornate (media di 2) e nel 2006-07 18 punti nelle ultime 10 giornate (media di 1,8 ma era serie A), al Torino l'anno scorso 24 punti nelle ultime 12 giornate (media di 2).

Il merito va anche alla preparazione atletica del professor Montesanto che da sempre integra il lavoro di Colantuono. Mantenendo la media di due punti a partita il conto è presto fatto: a 10 giornate dalla fine vorrebbe dire ottenere ancora 20 punti e quindi arrivare a 83 che sarebbe il record assoluto dell'Atalanta e batterebbe di 2 punti quello precedente stabilito sempre con Colantuono.

Leggi di più su L'Eco di venerdì 25 marzo

m.sanfilippo

© riproduzione riservata