Martedì 07 Febbraio 2012

La Comark in trasferta a Torino
si affida al watusso Borra e Fabi

Scontro clou, giovedì 9 alle 20,30 tra Torino e Comark. E' la classifica a renderlo tale. Piemontesi dietro la corazzata Omegna e con quattro lunghezze di vantaggio proprio sui trevigliesi che hanno, comunque, giocato una partita in meno a causa del maltempo.

Con queste premesse superfluo sostenere che i punti in palio varranno il doppio. Tecnicamente parlando è Torino la più dotata in virtù di pedine di primo piano come l'inossidabile bergamasco Masper, Tassinari, Portannese e Conti. Dalla sua la Comark può, però, vantare la freschezza dei suoi tanti under e il recente innesto di figliol prodigo Marino in grado di dettar legge in cabina di regia e, all'occorrezza, di trasformarsi in «mangiacanestri» di apprezzato livello.

Per ambire ad un blitz in trasferta il team orobico deve augurarsi in prestazioni al top soprattutto di watusso Borra e dei cecchini Fabi e Cazzolato. Atteso ad una conferma il giovane Planezio, artefice numero uno della vittoria Comark nell'ultima esibizione al PalaFacchetti contro il temuto Ferentino. Torino si ripresenta ai suoi tifosi forte del netto successo di domenica scorsa in quel di Ruvo di Puglia (71-53 il risultato finale e, scusate se è poco). Ma l'allenatore Pippo Faina non ha mancato di avvertire la squadra sulla consistenza dei prossimi avversari.

«La Comark – ha detto – sta disputando un ottimo torneo: ne sappiamo qualcosa noi dal momento che nella sfida d'andata siamo tornati a casa con un pugno di mosche in mano. Da qui il messaggio ai giocatori di affrontare la sfida con la massima determinazione». Da ricordare che sul parquet della Bassa i ragazzi del presidente Gian Franco Testa si imposero con un eloquente 69-59. Ancora assente il monumentale Vitale (ne avrà per un mesetto) è probabile che coach Adriano Vertemati schieri al via Borra, Zanella, Marino, Fabi e Cazzolato. In panchina, invece, Planezio, Molinaro, Marulli, Carnovali e Tomasini.

Arturo Zambaldo

 

e.roncalli

© riproduzione riservata