Martedì 15 Gennaio 2013

Lutto tra gli arbitri bergamaschi
Si è spento Gianmaria Fumagalli

Lunedì 14 gennaio, all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dopo una breve malattia, si è spento il vice presidente della sezione AIA di Bergamo, Gianmaria Fumagalli.

Nato a Bergamo 58 anni fa (classe 1954), era avvocato e da 33 anni (dal 1979) era un associato della sezione AIA di Bergamo. Iniziò la sua carriera come arbitro effettivo (diresse gare anche dei campionati regionali), divenne assistente arbitrale nel 1988 (scese sui terreni di gioco di serie D e del campionato femminile nazionale), dal 1995 fu osservatore arbitrale e dal 2008 arbitro benemerito.

Da sempre fu impegnato in sezione, dove ricoprì per molti anni gli incarichi di segretario (dal 1989 fino al 2000 e dal 2004 al 2006), componente del consiglio direttivo (dal 1989 al 2004 e nella stagione 2011-12) e vice presidente, ruolo che rivestì dal 2006 fino ad oggi (precisazione: nel 2011, dopo le dimissioni del presidente Attilio Belloli, come vice presidente vicario Fumagalli guidò la sezione in attesa delle elezioni del presidente sezionale. All'appuntamento alle urne si presentò come candidato, ma per un voto vinse l'altro candidato Juri Redondi.

Durante il mandato di Redondi, fece parte del consiglio direttivo. Nel maggio 2012, dopo l'elezione dell'attuale presidente, Paolo Donini, tornò a ricoprire l'incarico di vice presidente). Grande è il dolore e forte è la commozione che gli arbitri bergamaschi stanno vivendo in queste ore.

Gianmaria era un punto di riferimento significativo per la sezione, una colonna portante. Una persona buona, gentile e cordiale, altruista e disponibile, degna di stima e rispetto. Un esempio di professionalità, impegno e dedizione. Un caro amico, un collega ammirevole, una splendida persona. Sarà difficile concepire la sua assenza. Impossibile colmarla. Mancherà moltissimo.

Il funerale si svolgerà mercoledì 16 alle 14.30 nella Chiesa parrocchiale del Sacro Cuore a Bergamo (via Caldara, 2). Gli arbitri non mancheranno. Sarà un piccolo gesto di gratitudine nei confronti di Gianmaria, per tutto quello che ha fatto per gli associati e la sezione. In questo triste momento, il presidente Paolo Donini e tutta la sezione di Bergamo sono vicini alla moglie Romana, alla famiglia e ai parenti del caro Gianmaria e porgono le più sentite condoglianze.

a.ceresoli

© riproduzione riservata