Domenica 28 Aprile 2013

Incubo trasferta per la Comark
A Reggio Calabria addio playoff

Prosegue, più che mai, l'incubo trasferta per la Comark. A Reggio Calabria, il team del presidente Gianfranco Testa, non solo ha collezionato colleziona il tredicesimo tonfo consecutivo lontano dal PalaFacchetti (non si vince dal primo novembre scorso, blitz di Firenze) ma ha subito un autentico Ko.

A confermarlo è il passivo di ben diciotto lunghezze rimediato al termine della gara. Una prestazione, dunque, da dimenticare e che, in pratica, fa svanire le velleità della disputa dei playoff-promozione. Del resto totalizzare la miseria di 53 punti la dice lunga sulla disparità delle forze in campo. Determinante della debacle, il brusco calo dell'intero collettivo evidenziato dai giocatori di coach Adriano Vertemati poco prima del termine della terza frazione. Un handicap, purtroppo, non inedito lungo la corrente stagione sportiva.

Massimo equilibrio, invece, fino all'intervallo. I parziali: 14-18 nei 10' d'avvio; 30-29 nel secondo quarto; 50-40 nel terzo; 71-53 l'ultimo. A livello individuale, da assolvere in pieno Ferrarese e a tratti Perego. Sotto tono gli altri a cominciare da un capitan Reati oltre che impreciso al tiro alquanto inspiegabilmente nervoso. Sul fronte calabrese la palma del migliore è da attribuire ad un indomito Quaglia seguito da Piazza e Sabatino. Prossimo appuntamento per la Comark, domenica 5, tra le mura amiche, contro Omegna, formazione di alta classifica.

Arturo Zambaldo

Reggio Calabria-Comark: 71-53

Reggio Calabria: Quaglia 12; Piazza 8, Ricci 5, Fabi 6, Caprari 6, Sabbatino 10, Fontecchio 4, Rugolo 7, Ammannato 7, Germani 6. All. Pontieciello

Comark: Reati 7, Tomasini 4, Ferrarese 16, Maspero, Molinaro 4, Raminelli 4, Pederzini 6, Cazzolato 3, Perego 9, Carnovali. All. Vertemati

e.roncalli

© riproduzione riservata