Martedì 14 Luglio 2009

Lovere per sei giorni capitale
della vela con il Mondiale Fj

Lovere per sei giorni diventa «capitale» della vela mondiale. Prende il via oggi, martedì 14 luglio, alle 12 sulle acque di Lovere, con le prime tre prove valide per il titolo 2009, l’«International Fj World Championship», il campionato mondiale Fj, evento iridato che porta la grande vela sul Lago d’Iseo.

La manifestazione ha la regia dell’Avas, Associazione Velica Alto Sebino, e il sostegno del Comune di Lovere, delle Province di Bergamo e di Brescia e della Federazione Italiana della Vela e di numerosi sponsor.

In sfida per il prestigioso titolo ci sono 57 equipaggi provenienti da 8 Paesi e 3 continenti: tra cui Italia (10), Giappone (2), Stati Uniti (1), Germania (21), Olanda (13), Belgio (3), Slovenia (6) e Lussemburgo (1). Tra gli atleti in gara spiccano i campioni italiani Tommaso Ciampolini (campione italiano 2008), Antonio Cicchinè (campione italiano 2006 e 2007) e Carlo Jommi (campionato italiano 2002); i tedeschi Thorsten Willemsen (campione europeo 2008) e Heiko Riffler (campione tedesco 2009); e lo sloveno Rok Volk (campione sloveno 2009). Gli italiani rappresentano circa il 20% delle presenze.

Ospite d’onore e padrino dell’evento è il presidente della Classe internazionale Flying Junior, il giapponese Kazuhisa Saitoh. Il programma di gara prevede quattro giorni di regate con percorso a «bastone» o «triangolo» (in base a quanto deciderà la giuria internazionale formata da 12 membri).

Gli equipaggi dovranno affrontare 11 prove: 3 martedì, 3 mercoledì, 3 giovedì e 2 venerdì, con campo di regata tra le sponde di Toline-Vello e Castro-Riva di Solto. La prima regata prenderà il via intorno alle 12 dalle acque antistanti il porto turistico loverese. La partenza sarà visibile da Lovere e Pisogne. Prima di iniziare la gara le 57 imbarcazioni sfileranno davanti al lungolago in segno di saluto alla cittadina loverese.

Chiuse le prove tecniche (iscrizioni e controlli di stazza) di domenica, il campionato si è aperto ufficialmente sabato sera alle 19 sulla piazza del porto turistico con la presentazione e la cerimonia di inaugurazione alla presenza delle autorità locali (il sindaco di Lovere Giovanni Guizzetti e il vicesindaco Alex Pennacchio), degli organizzatori (Lino Locatelli, presidente dell’Avas e Gigi Gritti) di importanti ospiti internazionali (Franco Lacqua, segretario nazionale della classe Fj, Norbert Rieffler, segretario internazionale classe Fj e Saitoh Kazuisha, presidente internazionale classe fj ospite d’onore e padrino della manifestazione), degli atleti, dei tecnici, degli sponsor e di numerosi appassionati che non sono voluti mancare all’importante evento.

Tante le iniziative collaterali alla manifestazione velica: martedì sera a partire dalle 21 sulla piazza del porto turistico concerto jazz-pop con la cantante Lilly Gregori; mercoledì, sempre dalle 21 e sempre al porto turistico, concerto del trio «Punto e a capo» con Diego Piccoli (chitarra), Vinicio Crivelletto (piano e organo Hammond) e Enzo Zagari (batteria). Giovedì alle 19,30 aperitivo sulla piazza dell’imbarcadero di Lovere e a seguire cena di gala all’albergo Moderno di piazza Tredici Martiri. Venerdì a partire dalle 17 gran finale con la cerimonia di premiazione e il rinfresco.

L’evento ha richiesto mesi di organizzazione: lo staff dell’Avas ha provveduto agli aspetti tecnici, all’accoglienza e registrazione degli equipaggi, al soggiorno dei partecipanti e dei loro accompagnatori che nei sei giorni di campionato porterà un notevole indotto per gli alberghi e i ristoranti loveresi e dei paesi vicini.

«È l’evento velico più importante organizzato dall’Avas - spiega il presidente Lino Locatelli -. L’impegno è stato notevole anche perché a distanza di 15 giorni, dal 31 luglio all’8 agosto, ospiteremo un altro evento internazionale, L’Europeo Soling. Vista la rilevanza della manifestazione abbiamo chiesto e ottenuto l’appoggio di una rete importante di partner sul territorio. Un aiuto preziosissimo che risulterà determinante per il successo dell’evento».

«La vela - sottolinea Locatelli - è uno sport a pieno contatto con la natura, che la rispetta, che tempra il carattere nei momenti di difficoltà, che impegna il pensiero durante la fase agonistica e lo lascia libero di rilassarsi durante il tempo libero; è uno sport che consente di socializzare e condividere fatiche, obiettivi e emozioni».

Il Flying junior è una imbarcazione a «deriva» di dimensioni ridotte (di qui il nome junior) molto diffusa in tutto il mondo riconosciuta come classe internazionale dall’Isaf. Composta da un equipaggio di due persone, dotata di 3 vele (fiocco, randa e spinnaker) e, recentemente di trapezio, ha insegnato a navigare e a regatare a migliaia di velisti. Facile da governare anche in condizioni di vento molto forte premia tecnica, agonismo e tradizione.

Il campionato del mondo FJ si disputa con cadenza biennale alternandosi al campionato europeo (anch’esso a cadenza biennale). L’ultimo campionato del mondo è stato disputato a San Francisco, negli Usa, nel 2007. I campioni in carica sono i tedeschi Peter Wanders e Gisa Wortberg.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata