Venerdì 23 Ottobre 2009

Mondonico fa 1.000 in panchina
«Vorrei quella del Comunale»

Fonti Football Data dicono che per Emiliano Mondonico la partita di sabato tra Brescia e AlbinoLeffe rappresenterà la 1000ª panchina nel calcio professionistico: per la precisione 435 in serie A, 352 in B, 44 in C1-Lega Pro, 107 in Coppa Italia, 11 in Coppa di Lega Pro, 32 nelle Eurocoppe e 18 in tornei vari (come Supercoppa di Lega, Mitropa, torneo Angloitaliano, playout di B e playoff di C1) con un bilancio di 347 vittorie, 361 pareggi e 291 sconfitte. Esordio il 2 maggio 1982 con Lecce-Cremonese 1-1 (gol di Vialli).

Mondonico, che in carriera ha guidato Cremonese, Como, Atalanta, Torino, Napoli, Cosenza, Fiorentina e AlbinoLeffe, più che pensare alle mille presenze in panchina ha a cuore la sfida in trasferta (ore 15,30) contro le rondinelle bresciane: «Le mille panchine non mi pesano, in questo momento mi pesa di più la panchina dell'AlbinoLeffe perché c'è da risollevare la squadra. La ritrovata solidità difensiva, comunque, mi conforta molto».

Nell'intervista audio, il «Mondo» ha comunque espresso un desiderio: «Quando sarà costruito il nuovo stadio, vorrei tanto la panchina del vecchio stadio come regalo. Penso che nessuno la meriti quanto me. La porterò in cascina e mi siederò lì tra vent'anni. E magari vedrò passare Inzaghi, Morfeo e Lentini. Comunque sono pronto per altre mille presenze in panchina».

L'AlbinoLeffe, reduce dallo 0-0 casalingo di lunedì contro il Sassuolo, è atteso da un Brescia che sta deludendo. La squadra allenata da Iachini ha già incassato quattro sconfitte in nove giornate (quattro vittorie e un pareggio completano il bilancio) ed è insediata a centroclassifica con 13 punti. Sulla carta non è dunque un appuntamento impossibile per i seriani.

Alla vigilia sono le condizioni di due bomber a tenere banco: nell'AlbinoLeffe è in forte dubbio Cellini, nel Brescia Possanzini, illustre ex. Cellini lamenta una lieve contrattura al polpaccio sinistro e Mondonico tenterà di recuperarlo in extremis. In caso contrario, è probabile il cambio di modulo, dal 4-4-2 al 4-4-1-1 con spostamento di Laner nel ruolo di supporto all'unica punta Ruopolo e l'inserimento di Grossi sulla fascia destra di centrocampo. Quanto al «Possa», ha una distorsione al ginocchio sinistro ed è da vedere se sarà convocato.

I probabili schieramenti
BRESCIA (4-3-3): 1 Arcari; 15 Zambelli, 16 Mareco, 21 De Maio, 23 Dallamano; 8 Vass, 20 Paghera, 17 Baiocco; 33 Rispoli, 32 Kozak, 9 Caracciolo. All. Iachini.
ALBINOLEFFE (4-4-2): 82 Layeni; 24 Perico, 26 Sala, 20 Serafini, 77 Piccinni; 21 Laner, 6 Previtali, 74 Passoni, 18 Cristiano; 28 Ruopolo, 9 Cellini. All. Mondonico. 
Arbitro: Guida di Torre Annunziata.

Programma 11ª giornata

Venerdì 23 ottobre (ore 20,45): Torino-Reggina (arbitro Stefanini di Prato). Sabato 24 (ore 15,30): Ancona-Frosinone (Trefoloni di Siena), Brescia-ALBINOLEFFE (Guida di Torre Annunziata), Cesena-Grosseto (Gervasoni di Mantova), Empoli-Ascoli (Tozzi di Ostia), Gallipoli-Lecce (Brighi di Cesena), Padova-Triestina (Baracani di Firenze), Piacenza-Modena (Gallione di Alessandria), Salernitana-Crotone (Ciampi di Roma), Sassuolo-Cittadella (Candussio di Cervignano). Lunedì 26 (ore 20,45): Vicenza-Mantova (Paolo Mazzoleni di Bergamo).

Classifica
Frosinone 21 punti; Cesena 19; Torino e Padova 17; Ancona 16; Cittadella e Vicenza 15; Lecce, Empoli e Ascoli 14; Sassuolo, Brescia Grosseto e Modena 13; Triestina 11; ALBINOLEFFE 10; Piacenza, Reggina e Gallipoli 9; Crotone e Mantova 7; Salerrnitana 2.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata