Atalanta, alle 11 il saluto al Comunale Mercato: caccia al mancino Zukanovic

Atalanta, alle 11 il saluto al Comunale
Mercato: caccia al mancino Zukanovic

Atalanta, domenica 10 luglio si parte. Metaforicamente, visto che il countdown verso il nuovo campionato inizia proprio insieme al ritiro, e letteralmente, visto che la squadra salirà sul pullman intorno a mezzogiorno e si sposterà verso Rovetta, dove resterà per quasi tre settimane.

Non prima di avere salutato il proprio pubblico allo stadio: la solita passerella del varo avrà luogo alle 11, con i giocatori che sfileranno sul prato del Comunale uno dopo l’altro, all’americana. Come l’anno scorso, si potrà seguire la cerimonia dalla Curva Pisani, unico settore aperto: ingresso gratuito, cancelli spalancati dalle 10.

Una volta chiusa l’anteprima allo stadio, la squadra si sposterà in Val Seriana: dopo pranzo e riposo, via con il primo allenamento del ritiro, alle 17, al Centro Sportivo Marinoni di Rovetta (è prevista la presenza della tifoseria nerazzurra). Prima seduta del ritiro, non prima in assoluto, visto che il gruppo di mister Gasperini si è ritrovato già mercoledì sera e, nei giorni scorsi, ha svolto cinque allenamenti sui campi di Zingonia: da un giovedì a ranghi ridotti all’ultima seduta di ieri, con tutto il gruppo dei ventisette che domenica partirà per Rovetta.

Sabato, infatti, anche Kurtic e Dramé hanno raggiunto i compagni: in mattinata ha lavorato solo il primo, nel pomeriggio entrambi. Ventisette giocatori in partenza, ma i convocati sono ventotto: questo perché Pinilla, che figura nell’elenco, raggiungerà i compagni a ritiro concluso (in quanto reduce dalla Coppa America). Il ritiro in Val Seriana durerà poco meno di tre settimane e si concluderà in occasione della trasferta di Leeds del 30 luglio. Ovvero uno dei due test internazionali: l’altro è il Trofeo Bortolotti, in programma il 6 agosto al Comunale, contro l’Eintracht Francoforte.

Quanto al mercato, fari puntati su Zukanovic, uno dei pochi difensori mancini in circolazione.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola domenica 10 luglio 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA