Atalanta, è ancora emergenza in difesa Rincorsa al settimo posto contro il Verona

Atalanta, è ancora emergenza in difesa
Rincorsa al settimo posto contro il Verona

Se con «sua maestà» Juventus la sconfitta rientrava, pressoché, nella logica, domenica 18 marzo a Verona i pronostici sono fisiologicamente dalla parte degli atalantini.

È, tanto per cominciare, la classifica a sentenziarlo: Atalanta ottava con 41 punti; Hellas penultima (a quota 22). Questo sulla carta però è noto che le sorprese nel calcio non sono una rarità. Atalanta e Verona, per l’occasione, sono accomunate da motivazioni differenti ma di notevole spessore. Gomez e compagni in piena lotta per tornare subito in Europa; l’undici allenato da Fabio Pecchia per evitare il rientro in cadetteria.

Come verrebbe accettato un risultato di parità sui due fronti? Immedesimandoci nel Verona la suddivisione dei punti la accetteremmo in partenza nonostante il certificato vantaggio di usufruire del fattore campo. Non così da atalantini anche se, poi, mancheranno ancora nove turni al termine con distribuzione di 27 punti. Ma insistiamo nell’invocare a viva voce il classico blitz considerando, per di più, il miglior potenziale tecnico della formazione orobica rispetto a quello degli avversari. A Verona, a quanto pare, il mister nerazzurro schiererà, di nuovo il meglio delle pedine a disposizione. In ogni caso dovrà rinunciare allo squalificato Mancini, all’influenzato Bastoni e con probabilità a Caldara sempre alle prese col mal di schiena. Scorrendo il calendario e puntando bene gli occhi sulla Sampdoria (team che ci precede a + 3) i liguri se la vedranno in casa con l’Inter. D’accordo, fidarsi dei milanesi è sempre rischioso ma al tempo stesso prevedere (non solo auspicabile) difficoltà di spessore per i blucerchiati ci può stare eccome.


© RIPRODUZIONE RISERVATA