Atalanta, in campo per sfatare un tabù Contro la Juve dovrebbe tornare Ilicic

Atalanta, in campo per sfatare un tabù
Contro la Juve dovrebbe tornare Ilicic

Concludere alla grande 20 giorni magici, rompere il tabù che tanto rode ai bergamaschi, regalarsi un’altra sera da leoni contro la più forte. Allo stadio di Bergamo arriva la Juventus nel match serale delle 20,45, la Vecchia Signora ancora imbattibile in campionato, dove però quest’anno dovrà vedersela contro un Napoli agguerrito.

Proprio contro i partenopei alla seconda di campionato gli atalantini hanno messo in campo una delle più belle prestazioni della stagione nei primi 65 minuti e da lì servirà ripartire consapevoli che per uscire con il risultato pieno in match contro simili formazioni servirà essere perfetti fino al 90esimo. Sicuramente non sarà un’Atalanta lasciva e nemmeno agitata come lo scorso anno in trasferta, quando i nerazzurri stavano iniziando a diventare grandi: questa pressione non ci sarà e Lione lo ha insegnato, dove un’Atalanta inedita, costretta a difendersi contro una squadra superiore, senza ansia una volta andati sotto e con la bravura e la fortuna di rimediare grazie al gioiello del Papu e alle mosse di Gasperini. Il cambio Cristante-Castagne ha scosso i ragazzi e proprio questa sostituzione deve avere gli stessi effetti sul giovane classe Milan, che in Francia ha deluso, ma deve essere un riferimento di questa Atalanta grazie alla spaventosa crescita vista nel corso di questi ultimi mesi. A centrocampo dovrebbe essere De Roon l’escluso, mentre torna in rampa di lancio Ilicic: quando lo sloveno accende la luce possono essere guai per chiunque. In attacco Petagna è chiamato a rinverdire i fasti dell’Everton: di fatto non ha deluso a Lione, ma è stato tropo staccato dai compagni riuscendo a beccarla poche volte contro difensori esperti e fisicati.

Lyon's Kenny Tete, left, and Bergamo's Leonardo Spinazzola

Lyon's Kenny Tete, left, and Bergamo's Leonardo Spinazzola
(Foto by Laurent Cipriani)

Dietro la certezza è Mattia Caldara: spaventosi i recuperi sia a centrocampo che nella propria area contro i transalpini, il ragazzo potrà diventare uno dei top tra qualche anno e ne è consapevole mister Gasperini, che ha elogiato in sala stampa le sue doti, aggiungiamo noi, da gran lavoratore bergamasco.L’orgoglio di Mattia deve essere quello di tutto lo stadio e degli atalantini: quel coro da brividi che a Reggio Emilia ha coinvolto entrambe le curve dei tifosi nerazzurri, immagine nitida dell’entusiasmo di bergamaschi che non conoscono confine, per la loro città, è la hit del momento. Perché sì, 16 anni sono tanti dalla volata di Nicola Ventola per il decisivo gol del 2-1 nell’ultimo successo, ed è ora di tornare a vivere nuove emozioni. In campo Spinazzola per la prima volta dopo la querelle estiva a Bergamo, proprio contro la sua “Juventus”: Bergamo l’ha già capito e si è visto a Firenze e Lione, ma la curiosità di vederne l’accoglienza tra la sua gente resta.

Probabili formazioni
Atalanta (3-4-1-2): 1 Berisha; 5 Masiello, 13 Caldara, 6 Palomino; 33 Hateboer, 4 Cristante, 11 Freuler, 37 Spinazzola; 72 Ilicic; 10 Gomez, 29 Petagna. A disp.: 91 Gollini, 95 Bastoni, 28 Mancini, 21 Castagne, 27 Kurtic, 15 De Roon, 32 Haas, 7 Orsolini, 8 Gosens, 9 Cornelius, 20 Vido. All. Gasperini.

Juventus (4-2-3-1): 1 Buffon; 26 Lichtsteiner, 24 Rugani, 3 Chiellini, 22 Asamoah; 30 Bentancur, 14 Matuidi; 7 Cuadrado, 10 Dybala, 17 Mandzukic; 9 Higuain. A disp.: 23 Szczesny, 16 Pinsoglio, 15 Barzagli, 27 Sturaro, 4 Benatia, 12 Alex Sandro, 33 Bernardeschi, 38 Caligara, 11 Douglas Costa. All. Allegri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA