«Atalanta, mancano la paura o i sogni» Mondonico: ben venga la Juventus

«Atalanta, mancano la paura o i sogni»
Mondonico: ben venga la Juventus

«In questo momento mancano la paura o i sogni che ti accendono nel momento della verità. La Juventus arriva al momento giusto per rivedere l’anima di questa squadra: domenica, al 90’, sapremo la verità sull’Atalanta». Parole di Mondonico.

La verità del Mondo è un paradosso: non è vero che l’Atalanta ha i nervi scossi, semmai è proprio la scossa dei nervi che manca. «Non si può dire che la squadra non faccia gioco - commenta il mister l’Atalanta che ha visto in campo -. È che al momento giusto, quello decisivo, si accendono gli altri che si giocano qualcosa in più», dice Emiliano Mondonico e sorride del paradosso nerazzurro, una salvezza quasi in cassaforte col pieno dei mugugni.

Una salvifica cavalcata in groppa all’insoddisfazione, figlia di tre mesi senza vittorie e di un progressivo, inarrestabile, appiattimento. Ma la gente è delusa...

«La gente è delusa forse perché prima si era illusa. Non mi risulta che la società abbia posto obiettivi diversi dalla salvezza. Ora si è tornati a guardare verso il basso e non più verso l’alto, ma se guardiamo la classifica, non si può dire certo che l’Atalanta abbia l’acqua alla gola. E anzi, sono convinto che con 35-37 punti la salvezza sia garantita. Con due vittorie la questione è chiusa».

Leggi tutta l’intervista su L’Eco di Bergamo del 1° marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA