Venerdì 29 Agosto 2014

Atalanta, Moralez o Boakye ?

Più chances per l’argentino

Boakye o Moralez a fianco di Denis nella sfida inaugurale della stagione, domenica a Bergamo, con il Verona dell’ex Andrea Mandorlini? E’ il dubbio appiccicato a Stefano Colantuono da più colleghi e opinionisti di varie testate. Secondo noi, invece, l’allenatore di Anzio ha già deciso: giocherà dal primo minuto il fluidificante argentino.

Dopodichè, eventualmente, cederà la maglia a partita in corso in relazione all’andamento della stessa. Sostituiamoci umilmente a Colantuono cercando di interpretarne le scelte. Iniziamo dalla considerevole importanza che tutti, ragionevolmente, accordano visto che si tratta dell’esordio. Al motto, tanto per intenderci, “chi ben comincia è a metà dell’opera”.

Premessa: è pur vero che si dispone del fattore campo ma l’avversaria di turno non è di quelle da sottovalutare per un sacco di ragioni. Allora perché rinunciare all’eclettico Moralez in grado sì di spalleggiare il connazionale nelle puntate offensive ma anche di coprire altre zone del terreno in caso di necessità. Insomma è, questo, un discorso che, tatticamente, coniuga la prudenza la prudenza al riparo, cioè, da qualsiasi sorpresa. Optando per Boakye lo scenario potrebbe cambiare, pressoché, di colpo. L’attaccante ghanese, ingaggiato in maniera specifica nelle funzioni di vice Denis predilige l’uno-due terminale o se preferite battere zone del manto erboso le più vicine possibili alle aree avversarie. Certo, dalla sua, può presentare il corposo biglietto da visita di un precampionato coi fiocchi, figlio di gol di marcata fattura. Del resto Boakye è entrato, prepotentemente, nelle simpatie dei tifosi, la maggior parte dei quali gioirebbe nel vederlo titolare fisso.

Poi c’è un altro aspetto che, sempre a nostro avviso, porterà Colantuono a non utilizzarlo al pronti via. Ipotizziamo che Boakye non riesca a convincere all’impatto con il campionato, davanti al pubblico amico, recuperarlo diventerebbe probabilmente un problema. Ricordate cosa accadde ad Ardemagni nella prima di campionato con la casacca atalantina in Atalanta-Vicenza? Sbagliò un rigore e rimetterlo in sesto psicologicamente, a Bergamo, risultò assai difficoltoso.

Arturo Zambaldo

© riproduzione riservata