Atalanta, ore 18, vietato sbagliare Battere il Crotone per l’Europa

Atalanta, ore 18, vietato sbagliare
Battere il Crotone per l’Europa

Gli occhi di tutti sull’Atalanta. Anticipo con vista Europa al Comunale, una di quelle partite da vincere a tutti i costi per cullare i sogni europei: a Bergamo arriva il Crotone alle 18 e per i ragazzi di Gasperini è vietato sbagliare.

Non è questioni di pressioni sulla squadra, di voler dare a questa partita e al momento atalantino nuovi significati che già non mancano: questa è una di quelle sfide che l’Atalanta dovrebbe vincere comunque tra le mura amiche, sia da prima che da ultima della classe. E’ un dato di fatto innegabile, che ha ricordato il tecnico nerazzurro alla vigilia, in un’annata che però regala nuove suggestioni. In una stagione normale questo sarebbe stato uno scontro salvezza, 3 punti da non fallire per regalarsi una primavera tranquilla: oggi vale un posticino tra le grandi, in attesa di trovarsi di fronte Napoli, Fiorentina e Inter, gli scontri diretti che ci diranno davvero se il sogno finisce qua oppure Gomez e compagni sapranno mantenere vivo il desiderio europeo di una piazza che vuole tornare a viaggiare da decenni.

Gomez in azione all’andata

Gomez in azione all’andata

Match da vincere a tutti i costi, senza sottovalutare nessuno: c’è una neopromossa che ha ancora fame di punti per restare in Serie A, vive dell’entusiasmo di una piazza del Sud per la quale la prima massima serie della storia è già un miracolo, possiede giocatori che possono dare fastidio e sarà la classica gara in cui servirà tanta pazienza. Ripetere il Cagliari, questo potrebbe essere il modo migliore per sbrigare la pratica Crotone: partire a razzo senza esporsi al contropiede, far valere le maggiori qualità tecniche e poi comportarsi da grande squadra, proprio come dimostrarono i nerazzurri nell’ultima uscita al Comunale; saper gestire il match, accelerare quando c’è bisogno, mantenendo comunque il pallino del gioco.

La rete di Petagna

La rete di Petagna

Difficile cambiare schieramento e uomini: Spinazzola ha risolto i suoi problemi ed è disponibile, rientrano Migliaccio e Dramè, ma l’undici di base non cambierà. Non saranno del match solo Konko, Melegoni e Cabezas. I nuovi acquisti, quelli davvero potranno fare la differenza nei mesi a seguire, cercandosi la conferma nel magico mondo nerazzurro anche solo con una prestazione che regali punti o ad alcune giocate di qualità. Bergamo sogna e continua a farlo, nell’ambiente atalantino c’è grande entusiasmo per questa rincorsa a quell’obiettivo, scaramanticamente impronunciabile: non c’è altro risultato, per iniziare il trittico di ferro nella posizione ideale.

Le probabili formazioni:

Atalanta (3-4-1-2): 1 Berisha; 3 Toloi, 13 Caldara, 5 Masiello; 24 Conti, 19 Kessie, 11 Fruler, 37 Spinazzola; 27 Kurtic; 10 Gomez, 29 Petagna. A disposizione: 91 Gollini, 6 Zukanovic, 93 Dramè, 77 Raimondi, 88 Grassi, 8 Migliaccio, 7 D’Alessandro, 87 Mounier, 9 Pesic, 4 Cristante, 43 Paloschi, 33 Hateboer. All. Gasperini.

Crotone (3-4-3): 1 Cordaz; 22 Rosi, 13 Ferrari, 17 Ceccherini; 15 Mesbah, 31 Sampirisi, 28 Capezzi, 8 Crisetig; 24 Tonev, 11 Falcinelli, 12 Stoian. A disposizione: 5 Festa, 33 Viscovo, 3 Dos Santos 9 Nalini, 87 Martella, 18 Barberis, 23 Dussenne, 27 Acosty, 99 Simy, 42 Sulijc, 29 Trotta, 20 Kotnik. All. Nicola.

Arbitro: Banti di Livorno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA