Martedì 08 Luglio 2014

Atalanta: riscattato Benalouane

Manca all’appello il vice Denis

Benalouane
(Foto by Magni Paolo Foto)

Adesso è, proprio, ufficiale: Yohan Benalouane è stato riscattato, a titolo definitivo, dall’Atalanta. Il difensore tunisino, ventisettenne, era arrivato a Bergamo, proveniente dal Parma, lo scorso gennaio, alla riapertura del mercato di riparazione invernale. Utilizzato da esterno e, poi, da centrale da mister Stefano Colantuono, Benalouane si era subito ambientato nel reparto arretrato fornendo un rendimento di indiscutibile livello.

Da qui l’insistenza della dirigenza nerazzurra di non perderlo nonostante che, a termini contrattuali, il cartellino del giocatore fosse di proprietà del Parma. Con la conferma di Benalouane e il recente ingaggio di Nicolò Cherubin la difesa atalantina si può dire abbastanza sistemata per la prossima stagione. Manca forse all’appello un’altra pedina se come probabile sia Lucchini sia il colombiano Yepes dovessero cambiare maglia. Per colmare del tutto la difesa si fa il nome di Giuseppe Biava, svincolato dalla Lazio dopo quattro anni di permanenza a Roma. Oggi come oggi sono tre le trattative portate a buon fine, in entrata.

Ai citati Benalouane e Cherubin va aggiunto, quindi, il centrocampista D’Alessandro, prelevato dal Cesena per circa 3 milioni di euro. A questo punto manca, di sicuro, un attaccante, tanto per intenderci, un vice Denis. Qualora, però, i richiesti Carmona e Cigarini facessero le valigie si imporrebbe l’acquisto di almeno, un sostituto. Nessuna fretta, comunque, visto che il mercato estivo chiuderà i battenti solo a fine agosto. In uscita, invece, vale la pena ricordare che l’Atalanta ha piazzato al neo promosso Cesena, Capelli, Marilungo e Cazzola con Nica in procinto di trasferirsi sempre in Romagna. Pure il portiere Consigli potrebbe lasciare l’Atalanta. Maggiori possibilità ne conta, tuttavia, da tempo Bonaventura. A caccia di quest’ultimo oltre a Fiorentina e Lazio un paio di club europei che vanno per la maggiore.

Arturo Zambaldo

© riproduzione riservata