Atalanta, stadio modello Borussia
Ecco la folle curva di Dortmund

I progettisti si sono dichiaratamente ispirati al Signal Iduna Park: scopriamone i segreti.

Atalanta, stadio modello Borussia Ecco la folle curva di Dortmund

Il modello si chiama Westfalenstadion, ovvero stadio della Westfalia, land che ha come città principale Dortmund. Qui gioca il Borussia (da non confondere con il Borussa Mönchengladbach di Vogst, Netzer e Simonsen che dettò legge a fine anni ’70) e qui c’è lo stadio che ha ispirato i progettisti del restyling dell’impianto dell’Atalanta, lo studio De8. Stadio che, fino al 2021, si chiamerà Signal Iduna Park, nome dell’azienda tedesca di assicurazioni che sborsa 5 milioni di euro l’anno per il «naming rights».

Qui l’Italia (ahinoi, bei tempi...) conquistò la storica finale di Berlino 2006, poi vinta con la Francia ai calci di rigori: l’uno-due di Grosso e Del Piero mise ko la Germania di Klinsmann che fino a quella partita aveva mantenuto inviolato per decenni la sancta sanctorum di Dortmund.

Uno stadio semplicemente pazzesco, a cominciare dagli 81.359 spettatori di capienza che ne fanno il più grande della Germania: più della Allianz Arena di Monaco di Baviera, creazione delle archistar Herzog & De Meuron.

Ma il Signal Iduna è famoso soprattutto per la sua incredibile Südtribüne, che ha ispirato nelle forme e nell’inclinazione il progetto dello Studio De8. Una unica gradinata che si pone come un muro di fronte al campo: un effetto che si vede e si sente, complice anche una tifoseria decisamente bollente.

Un effetto muro che i progettisti hanno voluto riproporre anche a Bergamo, preferendolo ad altre curve famose ma distribuite su due livelli, una su tutte la famosa Holte End del Villa Park di Birmingham.

A Dortmund la tifoseria si dispone su una sola gradinata, e l’effetto è pazzesco, anche perché i posti sono 24.454 in piedi, in sostanza tutti quelli della nuova versione dello stadio di Bergamo ma in un solo settore. Per l’Europa le regole cambiano e i posti diventano a sedere anche in questo parte, il che fa scendere la capacità complessiva dell’impianto a «soli» 65.851 unità. Nota bene, in ambedue le versioni lo stadio di Dortmund regista sempre il tutto esaurito.

A Bergamo le curve saranno tutte con posti a sedere, come richiesto dalla normativa sugli stadi, il che fa già storcere un po’ il naso alla parte più calda della tifoseria, Pisani in primis. Ma attenzione, all’estero c’è chi sta già facendo qualche passo indietro: dal giugno 2016, per esempio, il Celtic ha inaugurato un settore per quei tifosi più scalmanati che possono così seguire il match in piedi, seppure con rigidi canoni di sicurezza.

Il settore si chiama «Rail seating section» conta 2.600 posti ed i tifosi più caldi dei «Bhoys» l’hanno già fatto proprio. Il risultato? Semplicemente spettacolare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA