Basket, sorpresa a Treviglio Vertemati verso l’addio dopo 9 stagioni
Adriano Veremati (Foto by Luca Cesni)

Basket, sorpresa a Treviglio
Vertemati verso l’addio dopo 9 stagioni

Lo storico allenatore trevigliese sarebbe in partenza come secondo di Trinchieri al Bayern Monaco. Al suo posto potrebbe arrivare Fabrizio Frates.

Clamoroso a Treviglio: si dividono le strade tra il club baskettaro della Bassa bergamasca e l’allenatore Adriano Vertemati dopo addirittura una collaborazione di nove stagioni. Manca l’ufficialità (dovrebbe, comunque, essere una questione di ore) ma il trentanovenne coach milanese affiancherà Andrea Trinchieri sulla panchina del blasonato Bayern Monaco, militante nella serie A tedesca e impiegato nella Eurolega (massima competizione europea).

Comprensibile la decisione di Vertemati nonostante che solo qualche mese fa il presidente Gian Franco Testa gli avesse prolungato il contratto per altri tre anni. Per Vertemati un’occasione da non perdere e per di più meritata visti i risultati conseguiti alla Cassa Rurale nonchè la valorizzazione di giovani portata avanti con puntualità impressionante.

Treviglio, dunque, gli deve parecchio. Parallelamente, però, pure Vertemati deve ringraziare quel sodalizio che lo ingaggiò dandogli fiducia spianandogli la strada verso una consolidata carriera. E’, tuttavia, il caso di ricordare che già nelle ultime due estati Vertemati era sul punto di accasarsi in sodalizi di serie A2, rifiutati in extremis grazie all’opera di persuasione del general manager Euclide Insogna.

Al di là delle certificabili qualità tecniche, Vertemati vanta una comunicabilità contagiosa: ammirevolmente rispettoso nei confronti di colleghi, avversari, tifosi e rappresentanti-media. Adesso per la Cassa Rurale si apre la problematica della sostituzione: fra i nomi svettano quelli di Fabrizio Frates con esperienze nella massima divisione nazione e commentatore televisivo e Gian Carlo Sacco, colui che tre tornei or sono evitò con un'autentica impresa la retrocessione in cadetteria del Bergamo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA