Bergamo, proibitiva la trasferta di Udine? Dove è scritto con un team in piena forma

Bergamo, proibitiva la trasferta di Udine?
Dove è scritto con un team in piena forma

Basket, sabato 31 marzo alle 20.30, si gioca in Friuli. A sentire Giancarlo Sacco parrebbe proprio che per Bergamo non ci siano speranze di collezionare la quarta vittoria consecutiva.

A sentire Giancarlo Sacco che parla di Udine (avversaria di sabato sera alle 20,30 in Friuli) come squadra fortissima parrebbe proprio che per Bergamo non ci siano speranze di collezionare la quarta vittoria consecutiva. Non la pensiamo così considerando anche che nell’andata vinse la squadra cittadina al termine di tre tempi supplementari. Artefice numero uno di quella interminabile sfida Mascherpa (21 punti) ceduto frettolosamente al Pavia. Ma c’è di più.

Bergamo è in smaglianti condizioni di forma (sabato scorso ha rispedito a casa Orzinuovi con un passivo di venticinque lunghezze, e scusate se è poco) e rispetto al match di Udine annovera Hollis e Laganà, ovvero, pedine di alta potenzialità tecnica e non solo. Evidente che Sacco intenda mettere le mani avanti, strategia che non sempre premia in quanto non carica emotivamente l’intero collettivo. Certo, la classifica certifica che Udine è collocata al quinto posto; Bergamo al terz’ultimo. Ma in questo caso occorre ricordare, ahinoi, la miseria di cinque vittorie racimolate negli altrettanti mesi di gestione Cece Ciocca. Naturalmente Bergamo avrà a che fare con avversari che, a loro volta, consumeranno ogni energia per blindare la posta in palio.

I tre punti servirebbero a Udine per ottenere il miglior piazzamento in chiave playoff e non è poco. Conoscendo bene da vicino l’allenatore Lino Lardo (con lui in panchina il mai dimenticato Celana volò fantasticamente in serie A2) sul parquet dello storico Pala Carnera scenderanno giocatori determinati e concentrati al massimo. Formazione al completo a Udine con Hollis, Laganà, Ferri, Bozzetto, Sergio, Cazzolato, Fattori, Solano, Bedini, Magni. Ipotizzabili al pronti-via Hollis, Laganà, Solano, Ferri e Sergio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA