C’è l’Inter, formazione da decidere  Pinilla-Denis? Ma c’è anche Papu
Anche Emanuelson è pronto per un posto da titolare

C’è l’Inter, formazione da decidere

Pinilla-Denis? Ma c’è anche Papu

Doppio allenamento giovedì per l’Atalanta a porte chiuse e partitella in famiglia nel pomeriggio. Colantuono sta studiando tutte le contromosse possibili per affrontare l’Inter domenica al Comunale.

Col dubbio principale che ancora resta e cioè una o due punte. La tentazione di affrontare i nerazzurri milanesi con Pinilla e Denis è forte anche per cercare di sfruttare la fragilità difensiva evidenziata finora dalla squadra di Mancini (che ha subito gli stessi gol dell’Atalanta, 29). Ma d’altro canto il tecnico romano non può non tener conto dei segnali positivi lanciati dal Papu Gomez a Firenze, senza trascurare l’opzione-Emanuelson, che pare ormai pronto anche per un posto tra i titolari. E allora resta il dubbio tra il 4-4-1-1 e il 4-4-2.

Sarà interessante poi vedere se Colantuono deciderà di dare una chance a Baselli anche per far ricaricare le batterie a Cigarini, apparso sottotono nelle ultime uscite. Per il resto Bellini si è perfettamente ristabilito dal colpo al volto ricevuto a Firenze e dovrebbe vincere il ballottaggio a sinistra con Del Grosso, mentre l’ultimo dubbio potrebbe riguardare Masiello e Biava: a seconda di chi giocherà, Benalouane si metterà al centro o in fascia.

Dramé da settimana prossima si riunirà al gruppo e dunque dalla partita con la Juventus tornerà a essere convocabile. Ma il terzino senegalese potrà giocare soltanto indossando uno speciale tutore alla spalla destra lussata durante Fiorentina-Atalanta di Coppa Italia. Un tutore che è stato realizzato dai dottori Castagna e Conti, due luminari in campo ortopedico, e che consentirà a Dramé di proseguire con l’attività agonistica nonostante l’infortunio. Più avanti, comunque, Dramé dovrà essere operato per risolvere il problema alla spalla: intanto stringerà i denti e tornerà a disposizione di Colantuono per dare una mano alla squadra.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 13 febbraio

© RIPRODUZIONE RISERVATA