Claudia Cretti migliora ancora  La mamma: «Questa me la devi vincere»

Claudia Cretti migliora ancora
La mamma: «Questa me la devi vincere»

Ancora buone notizie dall’ospedale di Benevento dove è stata ricoverata Claudia Cretti, la 21enne ciclista bergamasca caduta nella settima tappa del Giro Rosa.

Claudia ha battuto la testa e si trova ancora in terapia intensiva, ma le sue condizioni migliorano e nei prossimi giorni, come comunicato da famigliari, dovrebbe essere svegliata dal coma farmacologico. Già martedì il padre Beppe aveva tranquillizzato tutti con un post su Facebook: «Siamo usciti due ore fa da Claudia e siamo tutti più sollevati per i primi segnali positivi . Claudia non è più in pericolo di vita». Un ulteriore aggiornamento positivo nella giornata di mercoledì è arrivato dalla mamma Laura Bianchi:

Oggi ho scelto questa foto per tre motivi: Il primo, ve lo dico subito, è che anche stamattina i medici ci hanno dato messaggi di miglioramento. Con variazioni di cui non scendo nei dettagli, la stanno preparando al risveglio, che però non so dirvi quando avverrà, tra qualche giorno forse. E questo è possibile perché è stata bravissima, in questi 6 giorni ha fatto tutto quello che doveva fare.... Il secondo è che esistono pochissime foto di Claudia che non sia in bici,e ormai le avrete viste tutte, ma soprattutto foto di lei truccata e atteggiata e attenta all’aspetto e al look. Mi fa ridere questa foto per che rispecchia il suo outfit tipico estivo sul quale non mancavamo di criticarla o prenderla in giro: le strisce del l’abbronzatura da ciclista, le cicatrici, i graffi, i capelli raccolti, a volte strisciate di olio di catena :- ) Il terzo motivo è che qui eravamo a Lucca con tutta la mia famiglia allargata ed era un evento che negli ultimi anni aveva dello straordinario, cioè ritrovarsi tutti insieme con la presenza di Claudia, sempre impegnata in competizioni anche all’estero. E qui ritorno a ciò che ho detto qualche giorno fa. Sogno di portarla al mare, di andarci tutti insieme».


© RIPRODUZIONE RISERVATA