Col Palermo dubbi sulla formazione Sicuro Denis dal primo minuto

Col Palermo dubbi sulla formazione
Sicuro Denis dal primo minuto

L’Atalanta aspetta il Palermo con tanti dubbi sulla formazione. In forse Migliaccio e Cigarini, l’unica certezza è Denis che partirà in attacco dal primo minuto

«Ha bisogno di giocare - commenta mister Reja -, visto il fisico, la forma la ottiene con la continuità». In alternativa c’era Monachello, che ha giocato contro in Coppa: «Sono soddisfatto della formazione di questo giovane giocatore - continua l’allenatore dell’Atalanta -. Contro l’Udine abbiamo giocato, ma abbiamo sprecato troppe occasioni».

E poi un commento sul Palermo: «Sono ben organizzati, sia in attacco sia in difesa e sono in un momento molto particolare - dichiara Reja -. Loro vogliono tornare a fare punti e noi dobbiamo essere molto bravi a velocizzare la manovra, con lucidità in attacco».

Edy Reja non crede a un Palermo in crisi e vuole dai suoi una prova di maturità dopo l’impresa dell’Olimpico. «Questa è una partita che dobbiamo cercare di vincere se vogliamo dare continuità alla bella prova di Roma, anche perché aprirebbe spiragli importanti e ci darebbe ancora più fiducia per il futuro - mette in chiaro il tecnico dell’Atalanta alla vigilia della gara coi rosanero -. La nostra mentalità deve essere questa, ben consapevoli comunque che ci attende una gara molto difficile in cui servirà grande attenzione e la massima considerazione dell’avversario».

Le sconfitte con la Juve prima e, più clamorosa, l’Alessandria poi in Coppa Italia non devono ingannare. «Non dimentichiamoci che il Palermo per un’ora stava pareggiando con la Juventus e con la Lazio a Roma avrebbe meritato di vincere - sottolinea ancora Reja - E’ una squadra che ha qualità in avanti e che dietro si chiude bene. E in questo momento mi aspetto un Palermo ancora più compatto. Per cui dovremo essere particolarmente attenti e fare bene le cose che abbiamo preparato».

Con una novità: convocati due ragazzi della Primavera, in panchina contro il Palermo: Gasperoni e Ranieri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA