Giovedì 25 Settembre 2014

Colantuono: «I due gol nati

da falli abbastanza dubbi»

Mister Colantuono a San Siro
(Foto by Magni Paolo Foto)

Mazzarri e Colantuono, un botta e risposta di fuoco dopo il 2-0 dell'Inter sull'Atalanta. Molti gli episodi da moviola: il fallo su Ranocchia che ha causato il rigore sbagliato da Palacio, la presunta spinta di Osvaldo prima del gol e la punizione trasformata da Hernanes. Da una parte il tecnico nerazzurro che chiede più obiettività di giudizio: «Sul gol di Osvaldo è prima il difensore ad ostacolarlo. Il fallo del rigore arrivato prima della partenza del pallone? Non credo, anche perché c'erano altri episodi che non sono stati presi in considerazione. Voglio più obiettività».

Dall'altra l'allenatore atalantino che denuncia: «Sono stati due gol realizzati da calci piazzati, ma i falli erano dubbi. Mi dà fastidio, c'era una spinta di Osvaldo nel primo gol. Ma fa tutto parte del gioco, certo non mi voglio attaccare a questo.

Peccato, perché subire da palle inattive dispiace».

Al di là delle polemiche, comunque, Mazzarri è soddisfatto della prestazione: «Abbiamo fatto una grande gara, concedendo poco se non nel finale. L'Atalanta è una buona squadra, può mettere in difficoltà chiunque. Noi solo verso la fine abbiamo sentito un po’ di stanchezza e avremmo dovuto chiudere prima la gara. Ci manca un po’ di cinismo e per lottare con le squadre al vertice dobbiamo ritrovarlo».

Alla ricerca della perfezione, come sempre. Unica pecca della serata l'infortunio di Icardi costretto a lasciare il campo prima della mezz'ora. «Ha preso una bella botta, parecchio forte - il commento di Mazzarri -. Ma devo ancora sentirlo per capire meglio cosa è successo. Al suo posto potremmo portare qualche ragazzo della Primavera, Puscas o Bonazzoli». L'allenatore è speranzoso anche nei confronti di Hernanes che ha trovato una punizione perfetta sul 2-0: «Sono contento per lui, se lo merita perché è un gran professionista. Osvaldo? Mi ha sorpreso, deve solo aver maggior cattiveria. Bene anche Medel».

© riproduzione riservata