Colantuono: «La sconfitta un peccato Il gol del 2-1  un infortunio di Sportiello»

Colantuono: «La sconfitta un peccato
Il gol del 2-1 un infortunio di Sportiello»

«La sconfitta è un peccato perché avevamo giocato un grande primo tempo che purtroppo non abbiamo chiuso nonostante le occasioni create. Nel secondo tempo è arrivato il pareggio della Sampdoria, che è molto forte in fase d'attacco e infine il 2-1 a causa di un nostro infortunio di gioco. Per questo siamo rammaricati, ci tenevamo a fare bene».

Stefano Colantuono analizza così la quarta sconfitta consecutiva dell'Atalanta: «Primo tempo a grande ritmo, nella ripresa siamo calati ma potevamo anche segnare un altro gol. Non è successo e il pareggio ci ha dato una mazzata: Muriel è stato bravissimo. E il gol del 2-1 è stato un infortunio di Sportiello».

Il tecnico spiega così la sostituzione di Pinilla: «Non riuscivamo a salire, per quello ho messo Denis. Volevo sfruttare la sua freschezza. Ha anche avuto una palla importante per riportarci in vantaggio». Due settimane fa gli ultras avevano detto chiaramente di non aver gradito il ritorno di Masiello dopo la squalifica per il calcioscommesse. Oggi il difensore, dopo tre presenze da titolare, è andato in panchina. Ma Colantuono dice: «Masiello era fuori per scelta tecnica. Tutto qui. Bellini tra l'altro ha fatto una buona partita. Scelta ambientale? No. Non capisco queste domande polemiche. Non sapevo nemmeno che la curva gli fosse contro».

Il tecnico esclude anche problemi di assetto. «Non credo che abbiamo perso per motivi tattici, ma solo per una presa difettosa del portiere». Forse a un certo punto sarebbe servito un mediano in più, ma Colantuono spiega: «Ho messo Boakye perché in panchina non avevamo centrocampisti. C'era solo Grassi, Baselli l'ho tolto perché aveva anche un problema muscolare. Classifica difficile? Sapevamo che sarebbe stato anno tribolato, siamo attrezzati per combattere fino alla fine. Abbiamo tutte le possibilità per tirarci fuori dai guai».

Infine sul Parma, prossimo avversario della squadra bergamasca. «Non so se si giocherà o meno, ma credo che ci sia un regolamento e penso che la cosa migliore sia attenersi alle regole».

© RIPRODUZIONE RISERVATA