Comark, che figuraccia a Cento Castigata di trenta lunghezze

Comark, che figuraccia a Cento
Castigata di trenta lunghezze

Se questa è la preparazione ai playoff, apriti cielo! Comark castigata addirittura di 30 lunghezze (83-53 il risultato) sul campo della capolista ma dell’ormai demotivata Cento. «Incredibile assistere a una prestazione del genere».

È il commento a caldo del presidente e sponsor Massimo Lentsch, giustamente su tutte le furie a fine partita. Come dargli torto visto che la Comark, oltre a non essere mai stata in partita, ha giostrato senza impensierire minimamente gli increduli avversari.

Sotto accusa, in casi del genere, principalmente i giocatori ma non privi di concrete responsabilità l’allenatore e lo staff operativo dirigenziale che in settimana hanno «ciccato» in pieno anche nel preparare la sfida sotto l’aspetto mentale. I parziali: 23-15 (primo quarto), 21-12 (secondo), 15-11 (terzo) e 24-15 (ultimo) per l’83-53 finale.

Il solo Masper in doppia cifra (11): e scusate se è poco. Migliore sul parquet l’ex regista del Treviglio, Demartini. Insomma Comark edizione materasso quella scesa a Cento. E non pensiate che il team locale si sia superato in agonismo: per dare la dovuta lezione a contendenti sorprendentemente in disarmo o se si preferisce già in vacanza è stato sufficiente esibirsi con sufficienza.

Adesso argomento rimandato ai playoff (per il salto in serie A2) che inizieranno domenica 26. Comark attesa a Udine, contro la seconda classificata nella regular season. Ritorno a Bergamo (Centro sportivo Italcementi) il mercoledì successivo con eventuale spareggio domenica 3 maggio, di nuovo in Friuli. Sette giorni di tempo, quindi, per meditare su un durissimo ko sperando di voltare pagina al primo appuntamento.

Il tabellino

CENTO-COMARK 83-53

CENTO: Cavazzoli, Vitali 9, Bianchi 13, Demartini 17, Carretti 2, Cutolo 10, Govoni 6, Ikangi 13, Di Traini 2, Quarisa 11.

COMARK: Boba 7, Mercante 5, Magini 5, Masper 11, Chiarello 6, De Leidi, Cortesi 5, Azzola, Zanelli 7, Guffanti 7.

Arturo Zambaldo


© RIPRODUZIONE RISERVATA