Endine, in 1600 ricordando Tanya - Video
Ecco il video della 10 miglia del Castello

Quest’anno il nome di Tanya è riecheggiato anche al megafono della «10 miglia del Castello», la corsa sul lago d’Endine che si è disputata nella mattina di domenica 18 giugno con partenza proprio da Endine Gaiano e tappe a Ranzanico, Spinone, Monasterolo, San Felice e di nuovo arrivo a Endine. Sono partiti in 1600 complice anche la bellissima giornata.

Endine, in 1600 ricordando Tanya - Video Ecco il video della 10 miglia del Castello
La partenza della corsa

Quest’anno il nome di Tanya è riecheggiato anche al megafono della «10 miglia del Castello», la corsa sul lago d’Endine che si è disputata nella mattina di domenica 18 giugno con partenza proprio da Endine Gaiano e tappe a Ranzanico, Spinone, Monasterolo, San Felice e di nuovo arrivo a Endine. Sono partiti in 1600 complice anche la bellissima giornata.

http://www.ecodibergamo.it/videos/video/la-partenza-della-10-miglia-del-castello_1032204_44/

Una gara che porta il nome di Tanya e che rimanda a quel 26 agosto 2008. Aveva 15 anni, Tanya, ed era in motorino e stava andando a lezione di ripetizione di latino: il giorno dopo avrebbe dovuto sostenere l’esame di recupero. È morta in un incidente stradale e in suo ricordo e nel ricordo della sua voglia di vivere quest’anno si corre anche questa gara. «Ho conosciuto una bella persona – racconta mamma Rosy –, Marcello Cretti che organizza la “10 miglia del Castello”, ci ha sempre voluto vicini come associazione, ma quest’anno ha deciso che il premio alla prima donna sarà consegnato in memoria di Tanya, una grande gioia per noi. È entrato in punta di piedi, aspettando che fossimo noi ad aprirgli la porta. Così come Ivanni, gli amici dell’oratorio, il don: presenze che sembrano scontate, ma che dobbiamo ringraziare perché non è stato facile starci vicino».

Proprio come recita un’altra poesia di Tanya: «… chiedete cos’è l’amore/solo a chi ha sofferto per amore vero./Non lo si legge ovunque,/lo si legge solo nel cuore, /tra quel piccolo spazio /di quella grande ferita/che mai si chiuderà».

Una corsa che è piaciuta molto anche per il bel paesaggio ammirato dal percorso. Sul podio? Primo Filippo Ba (Gruppo Alpinistico Vertovese), davanti ad Abdelatif Batel e Igor Rizzi dei Runners Bergamo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA