Felice Gimondi, la carica dei 4000 Su L’Eco di lunedì tutte le classifiche

Felice Gimondi, la carica dei 4000
Su L’Eco di lunedì tutte le classifiche

Un lungo serpentone di ciclisti dalla città alle valli e poi ancora in città fino al traguardo finale. La carica dei 4000 appassionati che ha partecipato alla granfondo Felice Gimondi. Su L’Eco di lunedì 7 maggio le classifiche complete.

Dario Giovine e Manuela Sonzogni vincitori assoluti a Bergamo in una ventiduesima edizione ricca di storie e di colpi di scena, premiata dal bel tempo e da una massiccia partecipazione. La passione e l’amore, la gioia e la rabbia, la paura e il sollievo: come ogni evento che si rispetti, anche quest’anno la Granfondo Felice Gimondi Bianchi si è tramutata in un grande contenitore di storie e di sentimenti contrastanti, che tutti insieme hanno determinato il successo lampante di questa edizione numero 22, disputata in condizioni climatiche ideali.

A Bergamo quest’oggi è stata festa vera, da cui tutti o quasi ritornano più che soddisfatti, a cominciare dal vincitore assoluto, il piemontese di Sestriere Dario Giovine, superstite di una caduta all’ultima curva che ha suscitato qualche polemica tra i battuti, nell’ordine Stefano Cecchini e Paolo Castelnuovi.

Giovine, che ha coperto i 164,1 km in 4:41.17, ha peraltro fatto da apripista al successo corale della sua formazione, il Team Isolmant, vittoriosa sul lungo raggio anche tra le donne, per merito di Manuela Sonzogni. “Mi dispiace ci sia stata tensione nel dopo gara – da dichiarato Giovine – ma ho la coscienza a posto, ero in testa all’uscita della curva, non ho idea di cosa sia accaduto alle mie spalle.”

Su L’Eco di Bergamo in edicola lunedì 7 maggio le classifiche complete.

© RIPRODUZIONE RISERVATA