Gli 80 anni di sor Carletto Mazzone «Tornerei ancora sotto la curva»

Gli 80 anni di sor Carletto Mazzone
«Tornerei ancora sotto la curva»

Quella folle corsa durante il derby con l’Atalanta a Brescia, riacciuffato nel finale.

Per un periodo non breve è stato l’allenatore di gran lunga più detestato a Bergamo. Colpa di quella folle corse sotto la curva dei tifosi atalantini dopo che Roberto Baggio aveva trovato la strada di un incredibile 3-3 a Brescia. Durante il match la tifoseria nerazzurra non gli aveva risparmiato insulti anche personali: alla rete del 2-3 aveva promesso in modo esplicito che in caso di pareggio sarebbe andato sotto la curva bergamasca al «Rigamonti» a festeggiare, e quando il divin codino trovò ancora la rete «Sor» Carletto da Trastevere non ci pensò due volte e si lanciò in una folle corse mulinando il pugno e dicendone di ogni. Era il 30 settembre 2001.

«I cori che l’avevano preceduta erano stati la cosa peggiore che si può ricevere nella vita: le offese nei confronti dei genitori. Tornerei per davvero sotto la curva dell’Atalanta, la mamma è la cosa più importante che c’è ed io avevo ancora grandi ricordi di mia madre» ha ribadito Mazzone in diverse interviste di questi giorni.

Nella partita di ritorno a Bergamo dovette entrare in campo scortato dalla Digos: nei giorni precedenti la città venne tappezzata di manifesti contro di lui

Mazzone a Bergamo

Mazzone a Bergamo

Domenica 19 marzo Mazzone compie 80 anni: nella sua lunghissima carriera Mazzone ha allenato ininterrottamente per quasi 40 anni e ha stabilito un record nella storia del calcio italiano con le sue 1.278 panchine ufficiali, 795 in serie A, altro record assoluto. La sua ultima panchina è stata quella del Livorno, nel 2005-2006


© RIPRODUZIONE RISERVATA