I Nomadi per ricordare il «Mondo» Il programma della «Festa della Dea»

I Nomadi per ricordare il «Mondo»
Il programma della «Festa della Dea»

Sei serate, da giovedì 12 a martedì 17 luglio, aperte dal ricordo di Emiliano Mondonico con la presenza dei Nomadi, il gruppo preferito dall’allenatore della grande epopea di coppe degli anni Ottanta.

Torna dopo due anni di pausa la Festa della Dea, tradizionale kermesse estiva dei tifosi dell’Atalanta organizzata dalla Curva Nord e giunta alla quindicesima edizione. Nel parcheggio esterno di Oriocenter, vicino all’area aeroportuale di Orio al Serio, si succederanno commemorazioni e ospiti d’onore.

Il ricordo del popolare ’Mondò il 12, le delegazioni degli ultras dell’Eintracht Francoforte (tifoseria storicamente gemellata dai tempi della Mitropa Cup) e dell’Aquila Rugby il 13, il tributo al compianto capitano della Fiorentina Davide Astori (bergamasco di San Pellegrino Terme) e a Piermario Morosini il 14, con Giancarlo Antognoni, l’ex sindaco di Amatrice (destinataria di beneficenza anche dal club di Antonio Percassi) Sergio Pirozzi e il papà di Gabriele Sandri, Giorgio, sul palco. Il 15 è dedicato all’amarcord degli spareggi-promozione di Genova del 29 giugno e 2 luglio 1977 (presenti i protagonisti Tavola, Scala, Mei, Fanna e Pizzaballa), con tributo all’ex capitano e bandiera Gianpaolo Bellini, mentre il 16 tocca al trentennale delle semifinali di Coppa delle Coppe con il Malines. Chiusura il 17 con il presidente Antonio Percassi e la dirigenza al completo, dopo l’alternanza di giocatori attuali ed ex nei giorni precedenti: servizio ristoro, concerti e stand coi memorabilia atalantini faranno da contorno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA