«Il tumore non è invincibile» La sua lotta per la malattia - Il Video

«Il tumore non è invincibile»
La sua lotta per la malattia - Il Video

Ha combattuto per sette anni contro il tumore con coraggio da vero guerriero quale era. Raccontò la sua storia per dare forza a chi viveva la stessa situazione.

«Ci sono trenta probabilità su cento che la Bestia ritorni. Ma dopo quattro operazioni, l’asportazione di una massa tumorale di sei chili, di un rene, di un pezzo di colon e di intestino, sei pronto a tutto. E, ogni giorno di più, apprezzi il tempo che ti è dato». Emiliano Mondonico aveva parlato così lo scorso novembre 2017 della sua «bestia», la malattia che stava combattendo dal 2011. A fargli fare i controlli era stato il medico dell’Albinoleffe: «Mi ha mandato a fare dei controlli perché non gli piacevano per niente quella pancia così gonfia e la brutta cera che avevo». E racconta: «Il primo a salvarmi la vita è stato Lorenzo Novellino, all’ospedale Bolognini di Seriate, un vero angelo custode. Poi mi ha riaperto il prof. Gronchi, all’Istituto dei Tumori di Milano: un altro fuoriclasse. Quando ti viene il cancro, devi fidarti di chi ti cura e, chi mi cura, fidati, è davvero eccezionale».

Il coraggio del Mondo è disarmante. Emiliano è stato in guerra contro il cancro da sette anni, ogni giorno con la stessa tenacia, la stessa forza. E il coraggio di raccontare la sua storia: «Ho deciso di rendere pubblica la malattia perché non puoi nasconderti e perché sai che molte altre persone vivono la tua stessa situazione e hanno bisogno di sentirsi dire: coraggio, non mollare». Lo scorso anno era stato operato di nuovo, proprio poco prima del suo 70esimo compleanno: «Per la quarta volta in pochi anni mi hanno operato per lo stesso problema, che periodicamente mi presenta il conto: un tumore all’addome» aveva raccontato con disarmante naturalezza. In questi mesi la quinta battaglia, che non gli ha dato scampo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA