La Blu Basket diventa Fondazione Alla super presidenza Stefano Lamera
Da sinistra, Stefano Lamera firma l’atto costitutivo della Fondazione Blu Basket Treviglio 1971 davanti al notaio Valerio Tacchini (Foto by Blu Basket)

La Blu Basket diventa Fondazione
Alla super presidenza Stefano Lamera

«Vogliamo creare una struttura in grado di coinvolgere e valorizzare la nostra area di riferimento».

Chapeau alla «Fondazione Trust», struttura efficientemente all’avanguardia promossa dalla Blu Basket Treviglio proprio nell’anno delle nozze d’oro del locale sodalizio baskettaro, da un paio d’anni sponsorizzato Cassa Rurale. In estrema sintesi, detto club sportivo passa il testimone alla Fondazione che fa capo al Trust. Presidente dell’istituzione Stefano Lamera, vice Stefano Mascio, consigliere Paolo Luinetti e Andrea Cortiana segretario generale. Restano ai loro posti nel consiglio direttivo tecnico con il mandato di gestirne l’attività specifica lo storico general manager Euclide Insogna con il fido direttore sportivo Massimo Gritti, Raffaele Monastero (direttore area finanziaria, programmazione e controllo) e Guido Pozzi (direttore comunicazione e marketing). Quanto ai rapporti con la federbasket rimarrà in carica fino al 30 giugno 2021 l’attuale organico vale dire con Gianfranco Testa al timone e il vice responsabile Paolo Luinetti. Una cosa è, tuttavia, certa: dal punto di vista essenzialmente sportivo le conferme operative di primo piano della coppia Insogna-Gritti sono le più certificate garanzie della bontà dell’intera operazione. Lo stesso vale per Luinetti, dirigente da una vita nonché sponsor di spessore. Da auspicare che anche la squadra sia stimolata ad ambire a risultati sempre migliori, come del resto si augura Testa: «Ci aspettiamo dalla squadra stimoli sempre superiori considerata appunto la volontà della dirigenza di mettere a disposizione una struttura moderna e altro». Stefano Lamera: «Si vuole rilanciare in maniera forte la presenza concreta sul territorio. Vogliamo creare una struttura in grado di coinvolgere e valorizzare la nostra area di riferimento». Bene, avanti!


© RIPRODUZIONE RISERVATA