La Foppa saluta i suoi tifosi «Non ci sono aggettivi per voi»

La Foppa saluta i suoi tifosi
«Non ci sono aggettivi per voi»

Nell’attesa di novità sul futuro, il club rossoblu ringrazia la tifoseria per il supporto nell’ultimo match e nella stagione.

Un saluto carico d’orgoglio quello che la Volley Bergamo Foppapedretti ha pubblicato sul suo sito internet e su Facebook dopo la sconfitta con Novara che ha sancito la fine di questo campionato. Con la speranza che la storia del glorioso club bergamasco continui al di là di questa sconfitta. «Le lacrime di Blagojevic, il sorriso amaro di Merlo, lo sguardo smarrito di Sylla. La domanda che ti ronza in testa: ma è finita davvero? Sì, finisce qui. La corsa, il sogno, la sfida. Chiamateli come volete, ma i Play Off si chiudono qui per la Foppapedretti».

Le lacrime di Blagojevic, il sorriso amaro di Merlo, lo sguardo smarrito di Sylla. La domanda che ti ronza in testa: ma ...

Posted by Foppapedretti Bergamo on Lunedì 13 aprile 2015

«Terminano in Gara 2, contro la squadra regina di Regular Season e Coppa Italia. Contro un Novara a cui la Foppapedretti si è opposta con tutte le sue forze, con tutto il cuore, tutta la passione, tutta la tenacia che aveva. Si è aggrappata al match, ha sfidato le prime della classe a testa alta, senza paura. Si è fatta prendere per mano dal suo pubblico, quel popolo rossoblù che ha riempito il PalaNorda non solo in termini quantitativi, non solo duemila persone, ma duemila cuori, duemila abbracci, interminabili boati, che hanno reso speciale lo speciale. Sì perché per una tifoseria così non ci sono più aggettivi. Non bastano più. Non possiamo più descriverli con le parole. Ma averli vissuti ieri è stato un onore».

La Foppapedretti può dirsi onorata e privilegiata per essere stata tra le braccia di un pubblico così. Avrebbe voluto rispondere con una vittoria. Non è arrivata. Ma ha risposto con il cuore, quello sì. C’era, si è sentito battere forte. Lo dimostrano gli applausi arrivati dopo che l‘ultima palla è caduta a terra. Lo dimostrano le duemila persone in piedi in tribuna, in curva e persino nel settore ospiti. In piedi a rendere omaggio a un cuore grande. Un cuore, una squadra, una Società che porteranno dentro di loro, per sempre, le parole e le immagini di una serata speciale. Le parole che la Nobiltà Rossoblù ha voluto dire al mondo della Foppapedretti in apertura di match:«Sii sempre come il mare, che infrangendosi contro gli scogli trova sempre la forza di riprovarc» e le parole che a fine gara ci hanno regalato don Andrea Pedretti e gli amici di EosLa Stella del Mattino onlus: «Nello sport così come nella vita può capitare di cadere... ma sempre ci si deve rialzare!!!».


© RIPRODUZIONE RISERVATA