L’Atalanta e il risiko degli allenatori Gasperini ora è il primo obiettivo
Gianpiero Gasperini

L’Atalanta e il risiko degli allenatori
Gasperini ora è il primo obiettivo

Come nel gioco del domino, le panchine della Serie A attendono che qualcuno dia il via alla caduta del primo tassello per innescare la reazione a catena. In una delle caselle c’è anche l’Atalanta, che aspetta di capire le mosse degli avversari.

Intrecciati l’uno all’altro come non mai, i destini di una buona parte dei club della massima serie sono ancora in standby, in attesa della grande scintilla che innescherà il meccanismo e darà il la al panta rei delle panchine. In mezzo al guado, al momento, c’è anche l’Atalanta, che mantiene dritte le antenne su più fronti: il prossimo allenatore nerazzurro dovrebbe essere uno tra Prandelli, Gasperini, Pioli, Reja e Maran. Il borsino di quest’ultimo è sempre in altalena: il suo è stato uno dei primi nomi accostati all’Atalanta, poi è più volte salito e sceso nelle quotazioni, fino a quasi scomparire, nelle scorse ore, quando il Chievo ha provato a blindarlo (in ogni caso, il suo contratto scade nel 2018, con opzione per altri due anni). Fonti attendibili hanno parlato di un pranzo con Sartori: si dice che l’Atalanta sia l’unica destinazione possibile per Maran, in caso di addio al gialloblù, abbastanza per dire che il suo nome è da mantenere ben saldo nella rosa dei concorrenti. Poi c’è Gasperini, che piace (piace tanto, al punto che forse è proprio lui l’obiettivo numero 1, al momento, della dirigenza nerazzurra) all’Atalanta, ma che non si libererà dal Genoa ancora per qualche giorno.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 21 maggio 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA