L’Atalanta parte per la Svizzera Intanto non si molla la pista de Roon

L’Atalanta parte per la Svizzera
Intanto non si molla la pista de Roon

Tutti in Svizzera da giovedì pomeriggio, a San Gallo per la precisione. Tutti tranne Caldara e Schimdt che resteranno a curarsi a Bergamo.

Disturbi lievi ma fastidiosi per entrambi ed è meglio quindi studiare un lavoro personalizzato per tornare al meglio in breve tempo. Il difensore dell’under 21 ha un lieve mal di schiena, Schmidt invece da giorni è dolorante alla bandelletta ileo-tibiale sinistra. I tempi di recupero non dovrebbero essere lunghi.

Il resto della truppa nerazzurra invece si trasferisce al fresco. Il 1° di agosto in Austria, alla Cashpoint Arena di Altach, è prevista la seconda amichevole dal sapore europeo contro i tedeschi del Borussia Dortmund (ore 19,30). Il giorno seguente, rientro a Zingonia ed amichevole con il Novara al Centro Bortolotti (ore 18) riservata soprattutto a chi non scenderà in campo in Austria.

Sul fronte mercato si parla ancora di Marten de Roon e se ne parlerà fino all’ultimo. È l’unica news potenzialmente in vista nelle prossime giornate. C’è la sensazione che la società, al di là delle dichiarazioni di facciata e tutto sommato pure veritiere che parlano di affare molto difficile, stia lavorando sottotraccia per convincere il Middlesbrough a calare sensibilmente le pretese (vuole circa 14 milioni, l’Atalanta sarebbe disposta ad arrivare a 11 più bonus). È in corso un ultimo tentativo per cercare di riportare in nerazzurro un giocatore che «ha una voglia matta di tornare a Bergamo» come disse a suo tempo l’ex compagno ed amico Papu Gomez che l’aveva incrociato in vacanza. L’operazione è ritenuta complicata, ma non si escludono colpi di scena e magari uno sforzo ulteriore da parte dell’Atalanta piazzato sul filo di lana, per accontentare de Roon e anche la tifoseria che vedrebbe il rientro a casa di uno dei suoi pupilli.


© RIPRODUZIONE RISERVATA