Domenica 11 Novembre 2007

Le parole di Ruggeri. Le minacce degli ultras

IL PRESIDENTE RUGGERI «Spero proprio che non ci siano sanzioni per l’Atalanta». Così il presidente dell’Atalanta Ivan Ruggeri ha commentato l’ipotesi della sconfitta a tavolino per la sua squadra dopo la sospensione della partita con il Milan. «Sarebbe stato meglio decidere di non giocare fin dall’inizio», ha chiosato il presidente nerazzurro a Italia 1.MINACCE DEGLI ULTRAS AGLI ATALANTINI «Se riprendete a giocare succede qualcosa di grave»: questa la minaccia che gli ultras atalantini hanno chiaramente pronunciato davanti a Cristiano Doni, perchè la riferisse ai suoi compagni e a quelli del Milan. Quando i due atalantini Doni e Bellini si sono avvicinati agli ultras scatenati, che avevano infranto la vetrata antisfondamento, ogni tentativo di convincerli a desistere è stato inutile. Anzi, alla richiesta di smetterla con le intemperanze perchè ne avrebbe pagato le conseguenze proprio l’Atalanta, la risposta è stata la minaccia-ricatto degli ultras. Secondo quanto riportato da Sky Sport, lo stesso Doni ha riferito di questa minaccia al rientro negli spogliatoi. Ed è verosimile che la minaccia abbia avuto un peso nella decisione di sospendere definitivamente la partita, vista anche l’assenza di forze dell’ordine all’interno dello stadio. (11/11/2007)

e.roncalli

© riproduzione riservata