Muriel è nerazzurro, avrà il numero 9 «Zapata mi ha chiamato tutti i giorni»
Luis Muriel

Muriel è nerazzurro, avrà il numero 9
«Zapata mi ha chiamato tutti i giorni»

Ecco la prima intervista. Superate le visite mediche, venerdì 21 giugno la firma del contratto con il club nerazzurro. Il colombiano arriva dal Siviglia. Il saluto ai tifosi della Fiorentina, dove ha giocato per cinque mesi: «Grazie, perché mi avete fatto sentire a casa».

L’Atalanta comunica di aver acquisito a titolo definitivo dal Siviglia il calciatore Luis Muriel: «Muriel è nato a Santo Tomás il 16 aprile 1991. Nazionale colombiano, dotato di grande velocità, tecnica ed esplosività, è un attaccante che può ricoprire più ruoli sul fronte offensivo. Luis è cresciuto nell’Atletico Junior e nel Deportivo Calì, con cui ha giocato le sue prime partite da professionista. Appena maggiorenne si mette subito in luce segnando 9 gol in 10 partite nella Liga Anguila, la serie colombiana».
Ecco la prima intervista la giocatore colombiano.

«Lo nota l’Udinese che lo acquista nel 2010 per mandarlo in prestito prima al Granada e poi al Lecce, con cui segna sette gol nella sua prima stagione in Serie A – prosegue il comunicato della società –. Veste poi la maglia bianconera friulana dal 2012 (nella prima stagione riceve il premio dell’Assocalciatori come giovane rivelazione della Serie A) al 2015, anno in cui si trasferisce alla Sampdoria. Due stagioni in blucerchiato, quindi dal 2017 di nuovo in Spagna al Siviglia. Lo scorso gennaio torna in Italia alla Fiorentina con cui in quattro mesi realizza nove gol in 23 partite tra campionato e coppa. In totale in carriera vanta 286 presenze e 81 gol in tutte le competizioni.

«Nazionale colombiano – conclude la nota –, ha cominciato a vestire presto la maglia dei Los Cafeteros, debuttando appena ventunenne e collezionando finora 27 presenze e 3 gol, l’ultima lo scorso 15 giugno nella gara vinta 2-0 con l’Argentina in Copa America. All’Atalanta indosserà la maglia numero 9».

Muriel ha superato le visite mediche (evidentemente la lesione di secondo grado del legamento collaterale mediale del ginocchio sinistro riportata nel recente incontro di Copa America contro l’Argentina non ha impensierito più di tanto il club nerazzurro) e oggi, venerdì 21 giugno, ha incontrato la dirigenza atalantina e firmato il contratto che lo legherà alla Dea fino al 2024 (a 1,5 milioni più bonus a stagione).

«Forse non è andata come avremmo voluto. Forse è finita nel modo più strano. Ma nessuno cancellerà mai dalla mia testa e dal mio cuore questi cinque mesi di Firenze. Di viola. Di Fiorentina». Così, su Instagram, Luis Muriel ha salutato il club gigliato. «Ci ho messo tutto me stesso, tra gol ed errori. Tra smorfie e bacioni. Ecco, quelli non me li dimenticherò mai. Così come il calore della gente che vive per la Fiorentina. Che soffre per la Fiorentina. E che spero con tutto il cuore possa tornare a sorridere prestissimo per le vittorie della Fiorentina. Grazie, perché mi avete fatto sentire a casa. Perchè io e la mia famiglia ci siamo sentiti a casa. Perché porterò per sempre...un bacione, tutto mio, per Firenze», ha aggiunto Muriel.


© RIPRODUZIONE RISERVATA