Magro bottino ai Campionati di atletica  Bergamo a digiuno dopo nove anni
Dopo quattro titolo consecutivi, nei 110 ostacoli Hassane Fofana si è dovuto «accontentare» dell’argento (Foto by foto Colombo/Fidal)

Magro bottino ai Campionati di atletica
Bergamo a digiuno dopo nove anni

Due argenti e un bronzo individuali. È il magro bottino raccolto ai Campionati italiani assoluti di atletica leggera di Trieste dagli atleti bergamaschi, che dopo nove anni restano a secco di medaglie d’oro.

Per trovare un’edizione dei Campionati italiani di atletica all’aperto senza medaglie d’oro targate Bergamo bisognava risalire al 2008. Dopo nove anni di successi, gli atleti orobici sono rimasti a digiuno nello scorso fine settimana a Trieste, dove i bergamaschi nelle gare individuali si sono fermati a due medaglie d’argento (Hassane Fofana nei 110 ostacoli e Andrea Chiari nel salto triplo) e una di bronzo (Nicole Colombi nella marcia).

Un digiuno che si spiega con qualche assenza di peso (a cominciare da Marta Zenoni) e dal ricambio generazionale in corso dopo la «generazione di fenomeni». Senza dimenticare un pizzico di sfortuna per alcuni dei nostri atleti più accreditati, con la squalifica di Matteo Giupponi nella 10 km di marcia e la giornata storta del discobolo Giulio Anesa, sesto .


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 4 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA