Nuoto, Gregorio Paltrinieri oro mondiale nei 1.500 stile libero
Gregorio Paltrinieri (Foto by Ansa)

Nuoto, Gregorio Paltrinieri
oro mondiale nei 1.500 stile libero

Vittoria azzurra ai Mondiali di Kazan, con il record europeo 14’39”67.

L’azzurro Gregorio Paltrinieri ha vinto la medaglia d’oro nella gara dei 1.500 stile libero dei Mondiali a Kazan, in Russia. Secondo l’americano Jaeger.

La vittoria arriva in una gara preceduta da un colpo di scena: il cinese Sun Yang, uno dei favoriti e rivale dell’azzurro Gregorio Paltrinieri, non si è infatti presentato alla camera di chiamata, e quindi sui blocchi di partenza. Sun Yang è comparso in pubblico a Kazan per ritirare il premio di miglior atleta uomo dei Mondiali di nuoto 2015 e ha spiegato così il suo forfait di oggi nella finale dei 1500 metri, vinta da Gregorio Paltrinieri: «È la prima volta che mi succede una cosa del genere. Ho preso la decisione da solo, e poi ne ho parlato con il tecnico. Domani torno a casa, quindi farò un check up completo del cuore».

La Fina ha confermato di aver ricevuto, prima della gara, una comunicazione dallo staff della Cina in cui si diceva che il nuotatore aveva avvertito dei fastidi «nella zona del cuore».

Sun Yang

Sun Yang
(Foto by Ansa)

Ma allora come si spiegano le dichiarazioni del ct del Brasile Albertinho che ha raccontato di uno scontro fra i suoi ragazzi («gli sono andati addosso in quindici») e Sun Yang dopo che questi aveva tentato di colpire una delle sue atlete, Larissa Oliveira? Sun Yang non ha risposto direttamente ma ha lasciato la parola a Lu Yifan, dirigente della delegazione cinese.

«È stata una cosa da poco - ha detto Lu -, e il tecnico della Cina ha già chiesto scusa al collega del Brasile. C’è stato solo un piccolo problema durante la fase di riscaldamento, questa mattina, ma niente di serio, nessun problema. Non c’è alcuna relazione con ciò che è successo nel pomeriggio».

Gregorio Paltrinieri

Gregorio Paltrinieri
(Foto by Ansa)

Gregorio Paltrinieri ai microfoni di RaiSport ha commentato così la vittoria: «Una follia davvero, è il miglior termine per esprimere questa cosa, sono contentissimo: ero veramente morto, ma morto davvero». «Sono partito non vedendo Sun Yang. Non capivamo, e ci chiedevamo che fine avesse fatto. Questa cosa mi ha destabilizzato, non sapevo cosa fare. Sono entrato in acqua con mille dubbi in più, avevo il triplo della paura».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 10 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA