Prima trasferta europea dopo 26 anni  Atalanta a Lione per continuare a sognare

Prima trasferta europea dopo 26 anni
Atalanta a Lione per continuare a sognare

Squadra snobbata, senza esperienza internazionale in una cattedrale del calcio francese e dall’altra parte una formazione una volta grandissima, ora decisamente meno, convinta di vincere e balzare in avanti in classifica dopo il pareggio all’esordio nell’isola di Cipro.

Lione-Atalanta, ci siamo, in campo al Groupama Stadium alle 21.05: un po’ snob i francesi la vigilia e nelle parole del capitano Nabil Fekir, che confessa di non sapere chi sia il Papu Gomez e come giochi. Tre punti per l’Atalanta, uno per il Lione dopo il primo turno: proseguire positivamente significherebbe giocarsela fino alla fine.

Da qua deve partire l’Atalanta, senza rancore o altri propositi di rivalsa per considerazioni fuori dal terreno di gioco, ma dalla consapevolezza di essere una delle piccole dell’Europa League, al rientro nella seconda competizione continentale dopo 26 anni.

Sicuramente rientreranno Petagna e Masiello, mentre Caldara sarà al centro della difesa con Palomino a sinistra, a causa dell’infortunio di Toloi, unico out. I dubbi sono sulla sinistra, con ballottaggio Castagne-Gosens e Spinazzola pronto ad inserirsi tra i due, mentre alle spalle di Petagna e Gomez il dubbio è tra Kurtic, Ilicic e Cristante, naturalmente scelte diverse da punto di vista sia tattico che tecnico.

Sarà la prima trasferta dopo quasi 30 anni: è l’occasione per i nostri tifosi per esportare la loro atalantinità, quasi 3 mila quelli attesi in Francia, nonostante le richieste fossero tantissime e peccato che la società francese non abbia dato più spazio ai sostenitori nerazzurri, come successe alla Roma nella passata stagione. Altro motivo per fare vedere chi è questa cenerentola, ma soprattutto un risultato positivo sarebbe fondamentale per la classifica, allora sì l’obiettivo qualificazione potrebbe diventare un pelino più fattibile. Everton ci ha detto che l’entusiasmo ha portato ai 3 punti con una prestazione mostruosa, a Lione servirà intelligenza ed esperienza contro chi frequenta da anni il palcoscenico. Attenzione alla Cenerentola, la favola può proseguire.

Le probabili formazioni

Lione (4-2-3-1): Lopes; Rafael, Marcelo, Morel, Marçal; Tousart, Ferri; Cornet, Fekir, Depay; Mariano. All. Genesio.

Atalanta (3-4-1-2): Berisha; Masiello, Caldara, Palomino; Hateboer, De Roon, Freuler, Castagne; Cristante; Gomez, Petagna. All. Gasperini.


© RIPRODUZIONE RISERVATA