Reja scherza: Champions con l’Atalanta «Mercoledì vedo il presidente e saprò»

Reja scherza: Champions con l’Atalanta
«Mercoledì vedo il presidente e saprò»

Ultima giornata di campionato per l’Atalanta in campo a Genova, contro il Grifone domenica 15 maggio alle 18. «Serve gente con motivazioni adeguate, tonica, andiamo lì per cercare di fare la gara e centrare il risultato».

L’ha affermato il tecnico nerazzurro Edy Reja alla vigilia. «Il Genoa ha stimoli superiori a noi perché punta a centrare la decima posizione. Voglio una gara libera dal punto di vista mentale, dobbiamo giocarcela a viso aperto. Mi piacerebbe fare risultato, poi vedremo all’opera qualche giovanotto, anche se non basta per dare valutazioni».

«Abbiamo visto Conti e Freuler , adesso vediamo Gagliardini, che è stato penalizzato dal cambio di modulo ed è giusto dargli questa opportunità. Radunovic è un giocatore di prospettiva, ha qualità, certo gli manca maturità perché non ha giocato, anche se ha avuto l’esperienza della Nazionale . Carmona non se la sente ancora, farà ancora qualche allenamento, sta bene ed è in via di guarigione completa. Gomez è un giocatore di qualità, nel pieno della maturità, sicuramente Conte lo terrà in considerazione: in futuro potrebbe essere un giocatore interessante per la Nazionale italiana».

Sulla formazione dubbio modulo tra 4-2-3-1 e 4-3-3, quest’ultimo con Gagliardini e Freuler in campo dal 1’. Non ci sarà Bellini, mentre per il tecnico friulano quella con il Genoa sarà la millesima panchina in Italia. «Bellini ha chiuso domenica, è stato protagonista anche con l’Udinese, ero commosso io per lui vedendo la manifestazione di affetto nei suoi confronti da parte dei tifosi. Sono sempre bravi i bergamaschi a dimostrare questo attaccamento ai loro giocatori e alla società in particolare».

«È stata un’annata particolare, mi aspettavo di arrivare un po’ più in alto, toccare i 50 punti. Le mille panchine? È un lavoro che mi è sempre piaciuto, ho sempre messo il cuore, quello che mi ha permesso di arrivare a questo punto. Sono stato fortunato, l’ho fatto con professionalità, dedizione e passione. Ho avuto le maggior soddisfazioni negli ultimi anni . Mi aspetta ancora la Champions League - conclude con un sorriso Reja -, mi auguro con l’Atalanta, se sarà da un’altra parte va bene così, ma mi piacerebbe continuare. Mercoledì mi troverò con il presidente, dopo la cena con la squadra, per capire il mio futuro».

Simone Masper


© RIPRODUZIONE RISERVATA